Portare le donne con disabilità verso l’inclusione

Anche Giampiero Griffo, membro del Consiglio Mondiale di DPI (Disabled Peoples' International) e Silvia Cutrera, presidente dell'AVI di Roma (Agenzia per la Vita Indipendente), hanno partecipato alla presentazione di Roma del Progetto "RISEWISE" (al centro in primo piano)

È stato presentato a Roma un importante e innovativo progetto quadriennale di ricerca (e prassi), promosso dall’Università di Genova e finanziato con fondi europei, coinvolgendo vari interlocutori italiani e di altri Paesi europei. Si chiama “RISEWISE” (“RISE Women with Disabilities in Social Engagement”, ovvero “Portare le donne con disabilità verso l’inclusione sociale”) e costituisce una vera e propria sfida alla società contemporanea, puntando a cambiare le pratiche di inclusione sociale e a rendere disponibile anche alle donne con disabilità una “vita normale”, fatta di lavoro, istruzione e famiglia

FISH: è indispensabile un cambio di passo

Giuliano Poletti e Franca Biondelli, rispettivamente ministro e sottosegretario al Lavoro e alle Politiche Sociali, hanno rappresentato il Governo alla quinta Conferenza Nazionale sulle Politiche della Disabilità di Firenze

«Il nuovo Programma d’Azione sulla Disabilità, presentato dal Governo, accoglie in larga misura le istanze dell’Osservatorio Nazionale cui abbiamo partecipato attivamente. E tuttavia a Firenze abbiamo voluto sottolineare come del precedente Programma, approvato nel 2013, ben poco sia stato attuato. E lo ribadiamo: è indispensabile un cambio di passo, altrimenti anche questo Programma rimarrà lettera morta»: così Vincenzo Falabella, presidente nazionale della FISH, a conclusione dei lavori della quinta Conferenza Nazionale sulle Politiche della Disabilità

Nascerà a Roma una “tattiloteca”

Un libro tattile per la prima infanzia

Uno spazio aperto al pubblico, con le migliori pubblicazioni tattili ufficiali, i migliori bozzetti e copie uniche, oltre a tutti i prototipi che ogni due anni partecipano a “Tocca a te!”, concorso nazionale di editoria tattile illustrata: sarà questo la “Biblioteca Nazionale Permanente di Libri Tattili Illustrati” per la prima infanzia, vera “tattiloteca”, che la Federazione Nazionale delle Istituzioni Pro Ciechi realizzerà nella propria nuova sede di Roma, promuovendo anche formazione a insegnanti e illustratori, sulle potenzialità della grafica accessibile

Cassazione: la tutela della salute è un bene primario. Per tutti!

Cassazione: la tutela della salute è un bene primario. Per tutti!

Con una recente Sentenza – che considera la tutela della salute come bene primario di ogni persona, da garantire in quanto diritto fondamentale dell’uomo – la Corte di Cassazione ha riconosciuto «la garanzia del diritto fondamentale alla salute del cittadino straniero che comunque si trovi nel territorio nazionale, impedendo di conseguenza l’espulsione nei confronti di colui che dall’immediata esecuzione del provvedimento potrebbe subire un irreparabile pregiudizio». Un pronunciamento che potrebbe aprire la strada a procedure analoghe anche per le persone straniere con fragilità mentale

Accessibilità e Programma d’Azione: criticità e priorità

Realizzazione grafica dedicata all’“Universal Design” (“progettazione universale”), accompagnata dal testo “Making design accessibile to everyone in society”, ovvero “Rendere la progettazione nella società accessibile a tutti”

Nonostante quanto sancito nel 2013 dal primo Programma di Azione Biennale per la Promozione dei Diritti e l’Integrazione delle Persone con Disabilità, la situazione nel nostro Paese, in tema di accessibilità, barriere architettoniche e progettazione universale, è rimasta sostanzialmente ferma, in particolare dal punto di visto culturale e legislativo, confermando un quadro “antico” e assai poco in linea con la Convenzione ONU. Con questo ampio approfondimento curato da Fabrizio Mezzalana, in vista del nuovo Programma di Azione Biennale, delineiamo le varie criticità e anche alcune imprescindibili priorità

“Hey, brother!” (e “sister”): storie di fratelli e sorelle

“Hey, brother!” (e “sister”): storie di fratelli e sorelle

Un interessante appuntamento, proposto a Torino dalla Fondazione Paideia, sarà la due giorni del 24 e 25 settembre (con prologo teatrale nella serata del 23), intitolata “Hey, brother!” e tutta dedicata al tema dei fratelli e delle sorelle di persone con disabilità, i cosiddetti “siblings”, con l’intervento anche di due autorevoli ospiti dagli Stati Uniti e dall’Australia. Un’occasione utile a riflettere sulla condizione dei siblings, raccontando alcune esperienze presenti sul territorio del nostro Paese ed esplorando le prospettive future

“Dislessia Amica” nelle scuole

Una realizzazione grafica centrata su un bimbo con disturbi specifici di apprendimento

Tutte le scuole statali e non statali possono registrarsi al progetto formativo gratuito “Dislessia Amica”, voluto dall’AID (Associazione Italiana Dislessia) e dalla Fondazione TIM, per rendere gli istituti scolastici del nostro Paese realmente inclusivi nei confronti degli alunni con disturbi specifici di apprendimento (dislessia, disortografia, disgrafia, discalculia), problemi che solo in Italia riguardano quasi due milioni di bimbi e ragazzi

Troppi edifici scolastici ancora insicuri e poco accessibili

Troppi edifici scolastici ancora insicuri e poco accessibili

«La situazione dell’edilizia scolastica è difficile e lo sarà per molti anni ancora, nonostante gli interventi governativi fin qui realizzati»: lo ha dichiarato la responsabile di Cittadinanzattiva Scuola, in sede di presentazione del “XIV Rapporto Nazionale su sicurezza, qualità e accessibilità a scuola”. E gli studenti con disabilità? Se nelle scuole riescono a entrare – ciò che per molti di loro, come abbiamo denunciato in questi giorni, non è sempre un’impresa facile – si trovano ancora troppo spesso di fronte ad ostacoli insormontabili

Torino e parcheggi: via quella Delibera discriminatoria

Torino e parcheggi: via quella Delibera discriminatoria

Un confronto tra le Associazioni delle persone con disabilità e la Giunta Comunale di Torino ha portato all’annullamento di una Delibera secondo la quale, per poter ottenere o mantenere il parcheggio sotto casa, il disabile e la persona che lo assiste avrebbero dovuto necessariamente condividere la stessa residenza. «Una norma decisamente in contrasto con la Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità – secondo il Presidente dell’UICI di Torino – che avrebbe rischiato di limitare pesantemente il diritto all’autonomia e all’indipendenza»

Sclerosi multipla progressiva: premiata la ricerca italiana

Gianvito Martino, direttore della Divisione di Neuroscienze dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano, coordina il gruppo di ricerca internazionale sulla sclerosi multipla progressiva, che verrà finanziato con 4 milioni e 200.000 euro

Sono infatti numerosi i gruppi di ricerca del nostro Paese coinvolti nei tre progetti internazionali di eccellenza premiati dall’Alleanza Internazionale sulla Sclerosi Multipla Progressiva, che li finanzierà con 4 milioni e 200.000 euro ciascuno. L’obiettivo è quello di progredire nella comprensione della sclerosi multipla progressiva e di arrivare a una cura per questa forma della malattia, che colpisce circa un milione di persone in tutto il mondo (25.000 solo in Italia)

In movimento per i propri diritti e per la partecipazione

Il logo del progetto dell'ANFFAS "Io cittadino", dal cui evento conclusivo è nato il primo movimento italiano di autorappresentanza, composto da persone con disabilità intellettiva e/o relazionale

Più di quattrocento persone hanno partecipato a Roma alla presentazione del primo movimento italiano di autorappresentanza, composto da persone con disabilità intellettiva e/o relazionale, collegato al movimento europeo e internazionale. A promuoverlo è stata l’ANFFAS (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale), durante l’evento conclusivo del proprio progetto denominato “Io Cittadino, Strumenti per la piena partecipazione, cittadinanza attiva e Self Advocacy delle persone con disabilità intellettiva e/o relazionale”

Dopo il terremoto: due incontri con le Associazioni

Alcuni componenti dell’Osservatorio Nazionale sui Temi della Sicurezza e del Soccorso alle Persone con Esigenze Speciali, istituito lo scorso anno dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, hanno incontrato ad Ascoli Piceno e a Rieti – le due Province maggiormente colpite dal terremoto del 24 agosto scorso – numerose Associazioni dei rispettivi territori, per avviare una collaborazione sull’individuazione dei bisogni e delle criticità che in emergenza rendono ancora più complesse le operazioni di salvaguardia, fuga e soccorso delle persone con disabilità

Lazio: segnalate i disservizi nella scuola

Con l’obiettivo di condurre azioni mirate a garantire i diritti fondamentali degli studenti con disabilità della Regione, in questo periodo di difficile transizione, la FISH Lazio (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) sta effettuando un monitoraggio dei disservizi riscontrati dalle persone e dalle famiglie, attraverso un semplice e breve questionario, che il nostro giornale mette naturalmente a disposizione dei Lettori

Riabilitazione? Siamo a cavallo!

Andando a cavallo si può imparare a crescere: basandosi su tale concetto, l’UICI di Torino (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti) ha raccolto la sfida dell’ippoterapia, forma di riabilitazione che, attraverso il contatto con i cavalli, riesce a potenziare in chi la pratica il senso dell’equilibrio, la percezione di sé nello spazio, ma anche il coraggio e la fiducia nelle proprie capacità. Dall’inizio di quest’anno, dunque, hanno potuto avvicinarsi a questa esperienza sette bambini e ragazzi tra i 5 e i 16 anni, con disabilità visive e in qualche caso anche con altre minorazioni

Costruttivi e responsabili: solo così si ottengono risultati

«Abbiamo partecipato alla Conferenza Regionale Toscana e a quella Nazionale sulla Disabilità, con un atteggiamento costruttivo e la volontà di assumere responsabilità, perché solo così si possono ottenere impegni dagli altri interlocutori»: lo dichiarano le Federazioni FISH Toscana e FAND Toscana, il Coordinamento DIPOI e quello per la Salute Mentale, deprecando in tal senso i comportamenti dell’AVI Toscana (Associazione Vita Indipendente), che si chiede venga «invitata dalla Regione Toscana a partecipare ai Tavoli Tecnici o altrimenti non sia più considerata quale interlocutore»