Telepass per i disabili a Padova

Varchi elettronici a Padova, per “fotografare” chi trasgredirà il divieto di accesso alle Zone di Traffico Limitato. E le persone con disabilità? Verranno dotate di un telepass che consentirà loro il libero passaggio

Due modellini di autoveicoliPartirà nel mese di maggio un’interessante sperimentazione attuata dal Comune di Padova che coinvolgerà anche – con ricadute positive – le persone con disabilità.

Infatti, tra circa due mesi, inizieranno a funzionare una serie di varchi elettronici in corrispondenza ai sette punti di accesso alla Zona a Traffico Limitato (Largo Europa, Via del Santo, Riviera Tito Livio, Via Rialto, Via San Tomaso, Via Busonera e Via Vescovado) per consentire letteralmente alle telecamere comunali di “fotografare” chi entrerà in auto nel centro storico. Tutto ciò per verificare se tali mezzi avranno effettivamente il permesso per accedere a tali zone.

Altri tre varchi elettronici sono previsti nell’immediata periferia (Via Po, Via Guizza e Via Pontevigodarzere), per sorvegliare che non vi transitino mezzi pesanti.

Una volta entrato in funzione il sistema, i trasgressori rischieranno una multa di 35 euro.

Come fare, a questo punto, per evitare ulteriori disagi alle persone con disabilità, conducenti o trasportate che siano? Non sarà difficile, a quanto sembra. Infatti, essi saranno dotati (tramite una procedura non ancora perfettamente definita) di un telepass simile a quello in uso nelle autostrade, ciò che consentirà loro il libero passaggio.

Un’innovazione, quindi, all’avanguardia, che varrà certamente la pena di vedere all’opera.
(S.B.)

Stampa questo articolo