- Superando.it - http://www.superando.it -

2 giugno: Giornata Nazionale dell’Autismo

bambino con una pallaSi trova sul sito dell’ANGSA e su autismile.it l’elenco delle piazze e degli altri luoghi, circa 150.000 in tutta Italia, coinvolti nell’iniziativa dalle associazioni regionali aderenti all’ANGSA ONLUS.

In particolare, da segnalare l’iniziativa nel Parco Divertimenti di Mirabilandia di Ravenna, dove l’Associazione presenta ai ragazzi la storia Calimero e l’amico speciale, di Giovanni Ippolito, Sanità Maria Lucia IppolitoMaria Matilde Gambatesa, in cui Calimero insegna ai ragazzi come comportarsi di fronte a un amico speciale come un compagno autistico.
Apposite schede didattiche allegate alla storia aiutano gli insegnanti a far comprendere meglio la problematica trattata. L’ingresso al Parco, come in ogni altro giorno dell’anno, è gratuito per le persone con disabilità.

I fondi raccolti dalla Giornata Nazionale di quest’anno serviranno per costituire una Fondazione per la raccolta fondi per la ricerca, da devolvere agli scienziati, allo scopo di consentire la prevenzione e la cura di questa sindrome che, secondo gli esponenti dell’ANGSA, è «tanto grave quanto poco curata». Inoltre, la Giornata sarà un’occasione per sensibilizzare l’opinione  pubblica sul tema della ricerca delle cause specifiche dell’autismo e delle  sue terapie.

La dichiarazione ufficiale con cui l’ANGSA presenta l’iniziativa sottolinea la modestia dei progressi della ricerca scientifica sull’autismo negli ultimi settant’anni, anche se proprio da quest’anno «i consorzi internazionali che si occupano di genetica dell’autismo hanno deciso di mettere in comune le loro banche dati e di procedere in sinergia e collaborazione i loro studi».
Il mancato decollo della ricerca scientifica sull’autismo nell’ambito delle neuroscienze risulterebbe strettamente collegato anche all’opinione, oggi superata, che la causa di tale problema fosse l’inadeguatezza affettiva della madre.

Quanto alle linee guida per l’autismo, l’ANGSA segnala l’impegno negli ultimi due anni da parte di alcune regioni italiane (Abruzzo, Emilia Romagna, Marche, Sicilia, Campania, Calabria) che le hanno definite.
In particolare, la Regione Marche ha portato a termine un piano di formazione permanente «che ha coinvolto centinaia di operatori e genitori informandoli sulle metodiche di pedagogia speciale validate da decine di anni di esperienza all’estero».
Anche la SINPIA, Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza, ha emanato le Linee Guida per l’Autismo che, secondo l’ANGSA, «costituiscono una corretta raccomandazione per assicurare precocemente diagnosi, trattamento e abilitazione dei bambini, che possono e devono essere riconosciuti e trattati fin dai 18 mesi di età, con la collaborazione dei pediatri di fiducia, degli specialisti e dei genitori stessi».

La dichiarazione, firmata dal presidente Giovanni Marino, si conclude con la richiesta forte che si recuperi il tempo perduto e che venga applicato l’articolo 5 lettera A del Programma di azione del Governo per le politiche dell’handicap 2000-2003, che prevede si privilegino le ricerche per la prevenzione e la cura della disabilità, con la partecipazione dei disabili e delle loro famiglie.
L’appello è sottoscritto, tra le altre associazioni, anche dall’ANFFAS (Associazione Nazionale Famiglie di Disabili Intellettivi e Relazionali), da Autismo Italia, dall’APRI, (Associazione per la Ricerca sulla Sindrome di Down, sull’Autismo e il Danno Cerebrale), dagli aderenti alla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), dal Cireneo e dall’AGSAS (Associazione Genitori Autistici Siciliani).
(B.P.)

Per informazioni:
Segreteria telefonica dell’ANGSA: 06 43587666
Recapito: Via Casal Bruciato, 13, 00159 Roma
E-mail: angsanaz@tin.it – In Internet: www.angsaonlus.org