Il valore del limite

Una stimolante conferenza il 30 settembre a Lecco sulla tecnologia applicata alla riabilitazione e su come essa possa essere valorizzata e utilizzata per aumentare la qualità della vita

Palma di mano apertaSe oggi la tecnologia attua proposte molto avanzate, in grado di supportare e a volte addirittura sostituire alcune funzioni caratterizzanti l’uomo, quali l’apprendimento, l’uso della mano o la deambulazione, è però l’uomo che decide di utilizzarla o di riuscire a farne a meno, potendo scegliere di arrivare a fare da sé tutto quello che riesce, anche se in modo limitato e con grande fatica.
In sostanza, ogni presidio che sostituisce o supporta le funzioni e le attività specifiche dell’uomo può generare questo pensiero nella persona con disabilità: «più in là non si può andare, questo è il tuo limite».

Da tali premesse partirà la conferenza di venerdì 30 settembre denominata Il valore del limite, le frontiere tecnologiche e la prospettiva umana, che si terrà a Lecco (Sala Ticozzi, Via Ongania, ingresso gratuito, ore 21), organizzata dal Politecnico-Polo Regionale di Lecco, da IENI (Istituto per l’Energetica e le Interfasi)-CNR, dal Centro di Riabilitazione Villa Beretta di Costa Masnaga (Lecco) e dall’Associazione La Nostra Famiglia di Bosisio Parini (Lecco), con il supporto di UniverLecco.

Il tentativo dell’incontro di Lecco sarà quello di approfondire le ragioni del perché la tecnologia applicata alla riabilitazione possa essere percepita come limite e i modi per valorizzarla e utilizzarla in una logica di relazione con l’individuo che permetta di conservare la speranza e di trovare il senso e il valore del limite, sempre lasciando all’uomo il ruolo di protagonista decisivo.

Al tavolo dei relatori si succederanno Alda Pellegri, presidente dell’Associazione La Nostra Famiglia, Vito Mancuso, docente di teologia all’Università Vita-Salute San Raffaele, Alberto Fontana, presidente della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), Rosaria Vavassori, presidente dell’AISEA (Associazione Italiana per la Sindrome di Emiplegia Alternante) e Sandro Ogliari, presidente dell’Associazione Voglia di Vivere – Insieme contro le Malattie Rare.
(S.B.)

Per ulteriori informazioni:
Segreteria organizzativa, tel. 0431 488700, pololecco@ceda.polimi.it.
Stampa questo articolo