Lo sport vissuto con coraggio

Si terrà il 27 marzo presso il Palazzo Civico di Savona il convegno dal titolo “Il coraggio di vivere lo sport – Esperienze savonesi di sport per tutti”, organizzato dall’Assessorato Comunale allo Sport

Panoramica del porto di SavonaIl Palazzo Civico di Savona (Corso Italia, 19), sede dell’amministrazione comunale, ospiterà lunedì 17 marzo il convegno dal titolo Il coraggio di vivere lo sport – Esperienze savonesi di sport per tutti (Sala Rossa, ore 15.30).
Organizzato dall’Assessorato Comunale allo Sport, l’incontro vuole essere un’occasione per fare il punto della situazione rispetto alle varie attività ed esperienze realizzate finora sul territorio, per promuovere la partecipazione delle persone con disabilità agli sport nautici.
Un’occasione di confronto che però, come spiegano dall’Associazione Mare Forza Dieci – società della Provincia di Savona che si pone l’obiettivo di promuovere la cultura del mare in tutte le sue forme e che ha collaborato nel tempo alle varie iniziative – non vuole rappresentare il momento conclusivo di questi progetti, bensì essere un punto di partenza, uno stimolo per la pianificazione di nuove proposte che, facilitando la fruizione del mare, favoriscano anche l’inclusione sociale.
Ne è un ottimo esempio il progetto Il mare per tutti, partito dalla provincia di Savona alcuni anni fa e imitato, oggi, in diverse regioni del nostro Paese.

Parteciperanno al Convegno – oltre a Tiziana Nasi, presidente del Comitato Italiano Paralimpico (CIP) del Piemonte e Lelio Speranza, presidente del CONI Savona – anche Mauro Solinas, presidente di Mare Forza Dieci, Davide Bancheri, della Lega Navale Italiana che ospita il Polo Nautico e Antonino Massone, primario dell’Unità Spinale dell’Ospedale Santa Corona di Pietra Ligure.
Sono queste, infatti, alcune delle realtà locali che unendo le proprie forze hanno permesso la nascita a Savona del Polo Nautico per Tutti, primo esempio del genere in Italia.
Al termine del convegno del 27 marzo, gli atleti e le associazioni che hanno avuto un ruolo attivo nel progetto Sport per Tutti riceveranno un riconoscimento.
(C.N.)

Stampa questo articolo