La cultura della Vita Indipendente

Incomincerà il 26 aprile a Roma un corso di formazione rivolto a soci e volontari impegnati nell’attività di sostegno delle persone con disabilità che autogestiscono la propria assistenza. L’iniziativa si svolgerà nell’ambito dell’ampio Progetto “Improving”, coordinato dall’Agenzia per la Vita Indipendente di Roma

Persona con disabilità in cucina, con assistenteL’Agenzia per la Vita Indipendente (AVI) di Roma sviluppa la propria missione nell’ambito dell’assistenza personale in forma autogestita, mediante una gamma integrata di azioni.
Si tratta, nel dettaglio, di:
–  azioni di sostegno delle persone con disabilità e delle loro famiglie;
– attività di promozione dell’inserimento di persone con disabilità;
– interventi di formazione destinati alle stesse persone con disabilità, ai dirigenti di associazioni che si occupano di disabilità e agli operatori sociali.
Un sistema di azioni, quindi, che mira ad arricchire ulteriormente il più generale contesto dei Servizi di Assistenza Domiciliare avviati da molto tempo dal Comune di Roma, fornendo risposte mirate e personalizzate ad una domanda (spesso latente) che rischia di restare disattesa.

In questo quadro rientra a pieno titolo il Progetto Improving  Azioni di miglioramento delle performance organizzative, gestionali e professionali degli operatori dell’Agenzia per la Vita Indipendente, iniziativa finanziata con fondi della Regione Lazio FSE (Fondo Sociale Europeo – Sovvenzione Globale), integrati dal Comune di Roma.
Improving si colloca all’interno delle strategie finalizzate al progressivo sviluppo dell’autonomia delle persone con disabilità e non autosufficienti e prevede la realizzazione di attività formative e non formative.

In particolare, è ormai imminente l’avvio del corso, previsto per mercoledì 26 aprile, teso a qualificare e ri-qualificare le competenze di dieci operatori (soci e volontari) che collaborano con (e per) l’Agenzia per la Vita Indipendente.
Il processo di apprendimento – articolato in moduli e unità didattiche – si svilupperà in un arco di tempo di cinque mesi, sulla scorta di una precisa rilevazione e analisi dei fabbisogni formativi e organizzativi.

Per gli interessati, il dettaglio del Progetto Improving, che si sofferma su tutte le varie attività previste, è disponibile cliccando qui. Ci preme però citarne, tra i risultati attesi, uno in particolare, vale a dire «lo sviluppo della cultura della “Vita Indipendente”, capace di abbattere i tre pilastri della dipendenza e come orientamento virtuoso sia per la persona disabile che per gli operatori/assistenti».
E questo rappresenta senz’altro uno dei tratti che maggiormente connotano e qualificano tutte le iniziative progettate.
(S.B.)

Per informazioni:
Agenzia per la Vita Indipendente (AVI) ONLUS
c/o Data Coop, Via delle Canapiglie, 112, 00169 Roma, tel. 06 45434734
Stampa questo articolo