Per stare al passo con la modernità

Una due giorni di grande spessore è quella che verrà proposta a Ravenna, il 12 e 13 maggio, con il convegno dedicato alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione e al loro rapporto con la disabilità, che vedrà alternarsi in gran numero al tavolo dei relatori le stesse persone disabili

Immagine astratta simboleggiante la modernitàLe tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) possono essere estremamente incisive ed efficaci per quanto riguarda la loro capacità di fornire un supporto alle persone con disabilità. Esse, infatti, consentono non solo di implementare le facoltà fisiche e sensoriali, ma anche di acquisire nuove abilità. Le facoltà umane così potenziate a loro volta realizzano non solo l’integrazione sociale e lavorativa, ma anche la piena espressione della personalità del soggetto disabili.

Proprio a tali temi sarà dedicato il convegno ICT e disabilità: lavoro, integrazione sociale e realizzazione della persona, che si terrà venerdì 12 e sabato 13 maggio a Ravenna (Sala Almagià, Via dell’Almagià, 2), trattando in modo dettagliato, ma comprensibile anche ai non giuristi, la legislazione che riguarda la disabilità sotto i vari aspetti di essa e lasciando poi ampio spazio anche alle principali innovazioni e aggiornamenti, sia nel campo degli ausili tecnologici per disabili che in quello dell’accessibilità informatica.

In tal senso saranno tre le sessioni di lavoro, la prima delle quali (venerdì 12, ore 9.30-12) porrà come base della riflessione il quadro giuridico del termine handicap, nelle sue differenti graduazioni e il lavoro come strumento di integrazione e valorizzazione delle persone con disabilità nell’esperienza internazionale.
Successivamente (ancora venerdì 12, ore 12-19), la seconda sessione sarà dedicata inizialmente alla presentazione e discussione di progetti di supporto all’autonomia personale e di servizi ad hoc, per poi approfondire e sviluppare alcuni aspetti critici della relazione ICT-Disabilità, inclusa un’ampia trattazione tecnica sull’accessibilità informatica.
Alla ripresa, infine, di sabato 13 (ore 9-13), ci si concentrerà su un modo più evoluto di affrontare il problema tradizionale delle barriere che pone nuove e delicate questioni di tutela giuridica del lavoro e della privacy, di adattamento e disciplina di strumenti assistivi di autenticazione, con conseguente necessità di adeguamento della fiscalità e della previdenza.

L’iniziativa è rivolta in particolare alle persone con disabilità (molte delle quali si alterneranno anche al tavolo dei relatori) e alle associazioni che ne rappresentano le istanze: il convegno, infatti, ha l’obiettivo di fungere da momento formativo e di confronto su tematiche vissute e condivise, oltre che di confronto con operatori di vari settori, per sperimentare e proporre nuove soluzioni operative.
Ma si tratterà di un evento importante anche per il mondo del lavoro, per le figure dirigenziali e gli addetti alla cura e al sostegno delle persone con disabilità, senza trascurare il mondo accademico, da sempre aperto alle innovazioni, né gli operatori del mondo della formazione.
(S.B.)

Il programma del Convegno di Ravenna è disponibile cliccando qui.
La partecipazione è gratuita, con iscrizioni in sala fino all’esaurimento dei posti.
Per ulteriori informazioni:
tel. e fax 0547 301916 (Antonino Attanasio)
tel. 0544 61465 – 333 1314928 (Riccardo Corradino)
convegnodisabilita@virgilio.ithttp://www.meetinability.net/.
Stampa questo articolo