- Superando.it - http://www.superando.it -

Prosegue il cammino verso la libertà di volare

Aereo«I tentativi dell’Europa per eliminare i propri confini e facilitare la libertà di movimento dei suoi cittadini sono stati molte volte lontani dalla realtà delle persone con disabilità. Infatti, a queste ultime e alle loro famiglie ogni giorno viene impedito di viaggiare a causa dell’arbitrio e delle prassi particolari dei vettori aerei. Il Regolamento adottato oggi cambierà la vita delle persone con disabilità e rappresenta un traguardo a lungo atteso nella lotta contro le discriminazioni».
Questo il commento di Yannis Vardakastanis, presidente dell’EDF (European Disability Forum), di fronte all’approvazione, da parte dei ministri europei dei Trasporti, del nuovo Regolamento che renderà illegale in tutta l’Unione la discriminazione verso le persone con disabilità durante i viaggi aerei.
Ricordiamo che la ratifica del Parlamento Europeo al medesimo documento era avvenuta il 15 dicembre 2005, al termine di un iter seguito passo dopo passo dal nostro sito

In sostanza finora non esisteva alcuna legislazione vincolante a protezione dei disabili nei loro viaggi aerei. Una persona, infatti, poteva essere rifiutata all’imbarco o si poteva negarle l’assistenza perché disabile, mentre alcune compagnie aeree avevano stabilito un sistema di quote che definivano il numero massimo di passeggeri disabili per volo, indipendentemente dal tipo di disabilità.

«L’industria aerea è stata molto riluttante ad accettare questa legislazione che protegge i diritti dei passeggeri con disabilità. Con il nuovo Regolamento essa dovrà rendersi conto che, oltre ad essere in presenza di diritti fondamentali, esiste un’opportunità economica per tutto il comparto», ha aggiunto Vardakastanis. 

Il nuovo Regolamento proibirà di negare l’imbarco o la prenotazione di un volo perché disabili. I passeggeri con disabilità dovranno ricevere assistenza in ogni momento del viaggio senza costi addizionali e la responsabilità del servizio sarà nelle mani dei gestori degli aeroporti.
Altra importante azione prevista dal Regolamento sarà la formazione di tutti gli staff che vengono a contatto con i passeggeri. 

Un fatto va in ogni caso segnalato: nonostante la forte pressione effettuata dall’European Disability Forum, il Regolamento lascia ancora alcune possibilità di diniego all’imbarco per “ragioni di sicurezza” non molto chiare né ben definite. Ragioni di sicurezza che dovranno quindi essere correttamente indicate, poiché se definite a livello nazionale, rischieranno di diventare ulteriori barriere per i passeggeri con disabilità.
«I criteri di sicurezza devono essere armonizzati a livello internazionale o europeo – ha dichiarato ancora il presidente dell’EDF -; diversamente un passeggero con disabilità potrà partire per raggiungere un Paese ma non ritornare al proprio a causa di differenti legislazioni applicate. Armonizzare i criteri significa anche facilitare la consapevolezza, per le persone con disabilità, dei loro diritti, rendendo l’intero sistema più trasparente per tutti».

Da ricordare infine che il diritto a non essere rifiutati all’imbarco o alla prenotazione sarà esigibile dall’estate del 2007. L’intero regolamento diventerà invece efficace un anno più tardi e applicato direttamente negli aeroporti europei e dalle compagnie aeree.
(S.B.)

*Si ringrazia per la traduzione dei testi originali il CND (Consiglio Nazionale sulla Disabilità).

Per ulteriori informazioni:
Comunicazione esterna EDF (Helena González-Sancho Bodero)
tel. +32 2 2824604,
communication@edf-feph.org
Segreteria CND (Alessia Bracci)
tel.  06 37350758,
sede.legale@aism.it.