Il Friuli Venezia Giulia incoraggia il lavoro dei disabili

Una legge regionale del Friuli Venezia Giulia finanzia interventi in favore delle persone con disabilità, per esercitare l’attività professionale. Tra le tipologie di spesa previste dalla norma, l’acquisto di strumenti tecnologicamente avanzati, l’adeguamento del posto di lavoro e dei mezzi di trasporto, l’acquisizione di attrezzature e ausili

Persona con disabilità al lavoroC’è una norma approvata due anni fa nel Friuli Venezia Giulia, che merita senz’altro di essere ricordata, in quanto prevede anche una serie di finanziamenti in favore delle persone con disabilità (fisiche o sensoriali), finalizzati ad esercitare l’attività professionale.

Si tratta della Legge Regionale 13/2004 (Interventi in materia di professioni, approvata il 22 aprile 2004 ed entrata in vigore il 14 maggio dello stesso anno), la quale, in termini generali, si prefigge essenzialmente due finalità:
– Instaurare un dialogo tra il mondo delle professioni e l’Amministrazione Regionale, attraverso l’attività di due organismi collegiali e cioè la Consulta Regionale delle Professioni Ordinistiche e il Comitato Regionale delle Professioni Non Ordinistiche;
– Attivare elementi di sostegno a favore dei professionisti, siano essi riconducibili ad ordini o collegi ovvero ad associazioni, al momento non riconosciute dallo Stato. Tali strumenti si sostanziano in interventi per il finanziamento delle spese di avvio e di funzionamento nei primi tre anni di esercizio dell’attività professionale, in forma individuale, associata o societaria, per l’acquisizione della certificazione di qualità, per la costituzione di cooperative di garanzia, per l’attività di aggiornamento professionale dei professionisti medesimi, per la promozione della professione da parte di soggetti fisicamente svantaggiati

Quest’ultima previsione – riguardante appunto la professione svolta da «soggetti fisicamente svantaggiati» – è stabilita dall’articolo 10, comma 2 della legge ed è stata disciplinata da un apposito Regolamento approvato con il Decreto del Presidente della Regione 0375/Pres. dell’11 novembre 2004.
Tale Regolamento individua i beneficiari e i requisiti richiesti per il finanziamento, le iniziative finanziabili e le spese ammissibili, l’ammontare del contributo regionale e l’iter procedurale dalla presentazione della domanda alla fase della erogazione.

Le tipologie di spesa ritenute ammissibili dal Regolamento regionale sono le seguenti:
– spese per l’acquisto, l’installazione e il funzionamento di strumenti tecnologicamente avanzati finalizzati a compensare le limitazioni della disabilità e a favorire l’autonomia nell’esercizio dell’attività professionale;
– spese per l’adeguamento dei locali onde renderli idonei alle esigenze operative del professionista, ad eccezione dei locali adibiti ad abitazione;
– spese per l’adeguamento dei mezzi di trasporto;
– spese per l’acquisto di attrezzature, ausili e sostegni connessi all’esercizio dell’attività professionale.

Da ricordare infine che ai fini della divulgazione del contenuto della Legge Regionale 13/2004, è stato predisposto apposito materiale illustrativo che può essere richiesto in Regione alla Direzione Centrale Lavoro, Formazione, Università e Ricerca – Servizio Professioni e Interventi Settoriali.
(V.K.)

Per ulteriori informazioni:
www.regione.fvg.it (voce Lavoro e in seguito voce Professioni).
I soggetti referenti dell’intervento sono:
Antonella Canelli, tel. 040 377 5097, antonella.canelli@regione.fvg.it
Sabina Verzier, tel. 040 377 5098, sabina.verzier@regione.fvg.it.
Stampa questo articolo