La nuova professione del Case Manager

Con il prossimo autunno avrà inizio il Master universitario istituito dall’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano in collaborazione con l’Istituto Nazionale Neurologico Besta del capoluogo lombardo

C’è tempo fino al 6 ottobre per rispondere al bando di ammissione del nuovo Master offerto dalla Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università Cattolica di Milano e dall’Istituto Besta del capoluogo lombardo. Case Manager. Bioetica, scienze umane e ICF per progettare e unire le reti con e per le persone con disabilità, il titolo dell’iniziativa, che si protrarrà per dodici mesi (corrispondenti a 60 crediti, pari a 1.500 ore) a partire dalla metà del mese di novembre.

Il corso è a numero chiuso e si rivolge a un massimo di 50 partecipanti. La selezione avverrà sulla base del curriculum, dei titoli e di un colloquio motivazionale.

Ricordiamo che ICF sta per Classificazione Internazionale del funzionamento, della disabilità e della salute e si tratta di un criterio diffuso nel 2001 dall’OMSOrganizzazione Mondiale della Sanità per descrivere e misurare la salute e la disabilità delle popolazioni.

L’idea formativa del Master nasce dalla considerazione che nella nostra società è in atto un’inversione di tendenza per cui stanno diminuendo in quantità i casi di malattie acute se paragonati a quelli di malattie croniche invalidanti, anche legate all’invecchiamento della popolazione.

Una donna anzianaA partire da questa considerazione, il corso di studi mira a formare personale capace di «lavorare in contesti educativi, lavorativi e socio-sanitari, a partire dalla valutazione dei bisogni della persona con disabilità, attraverso il coordinamento e l’attivazione del lavoro di rete, l’organizzazione di piani operativi di lavoro, l’avvio e il miglioramento di piani assistenziali e lo svolgimento di funzioni di collegamento e monitoraggio».

«Il case management» si spiega nella presentazione del corso universitario «può essere definito come un metodo di lavoro in grado di utilizzare le offerte disponibili e allo stesso tempo di superare i confini tra i servizi. In sintesi il Case Manager, consapevole delle dinamiche culturali in atto e delle problematiche bioetiche, interviene, sulla base di una chiara concezione della persona e dei suoi diritti inalienabili, assicurando un sevizio multidisciplinare centrato sulla persona e sulle sue esigenze piuttosto che solo sull’organizzazione e i bisogni dei sistema stesso».

Il costo del Master ammonta a 3500 euro. (B.P.)

Per ulteriori informazioni:

Università Cattolica del Sacro Cuore, Ufficio Master

tel. 02 72343860, fax 02 72345202

master.universitari@unicatt.it, www.unicatt.it/masteruniversitario

Stampa questo articolo