- Superando.it - http://www.superando.it -

Val più il servizio che un sussidio!

Un'immagine della conferenza stampa di presentazione dell'Osservatorio Nazionale sulla Legge 328/2000Lo scorso anno, in un periodo di massima residualità del tema welfare dall’agenda politica di un Governo che interpretava sempre come inconciliabili le vie dello sviluppo con quelle delle politiche sociali, le organizzazioni sindacali CGIL, CISL e UIL e quelle rappresentative delle Province, degli Enti Locali e delle Regioni – riunite al Convegno Legge 328/2000: una sfida ancora aperta – si erano proposte di dar vita ad un Osservatorio Nazionale sulla citata Legge quadro, finalizzata alla realizzazione di un sistema integrato di interventi e servizi sociali.
I compiti attribuiti a tale Osservatorio non si sarebbero dovuti esaurire in un’attività di analisi sullo stato di attuazione della legge, ma avrebbero dovuto allargarsi ad un approfondimento dei contenuti e delle possibilità di aggiornamento e rilancio della norma, in altre parole «del metodo del dialogo, della consultazione, della collaborazione, della concertazione, per il raggiungimento degli obiettivi individuati», citando le stesse parole presenti nella legge.

Ebbene, nei giorni scorsi il nuovo Osservatorio è stato presentato a Roma, dopo che con le elaborazioni dei mesi passati, quella che è stata definita come “l’alleanza per il welfare”, composta da Istituzioni, Terzo Settore e Organizzazioni Sindacali, era stata identificata come lo strumento più adeguato per produrre azioni fortemente innovative a livello regionale e locale.
«Lo scopo – si legge nel testo presentativo – è quello di superare le criticità che abbiamo riscontrato nell’applicazione della Legge 328/2000 nel territorio, anche attraverso il definitivo completamento dei processi normativi regionali per l’istituzione o la valorizzazione delle sedi e degli strumenti di confronto, di collaborazione e di coordinamento con i Comuni e le altre Autonomie Locali».
Obiettivo dichiarato quello di dar corpo ad una rete diffusa di servizi e prestazioni sociali «adeguati ai bisogni dei cittadini, e più omogenei su tutto il territorio regionale».
Anche il CNEL (Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro), condividendo queste istanze, non solo si è dichiarato fin dal primo momento pronto a dare il proprio contributo al lavoro dell’Osservatorio, ma ha deciso di offrire la propria disponibilità ad ospitarne la sede operativa. Ed è stata proprio quest’ultima ad ospitare il 27 settembre la conferenza stampa che ha sancito il battesimo formale del nuovo Osservatorio.
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        Il quadro politico rispetto allo scorso anno – con l’insediamento del nuovo Esecutivo guidato da Romano Prodi – ha dato certamente nuovo slancio alle proposte degli organismi che compongono l’osservatorio, non solo per la presunta maggiore attenzione al welfare attribuibile ad una coalizione di centro-sinistra, ma in base ai precisi impegni contenuti nel programma dell’Unione.
A tre giorni dalla presentazione della nuova Legge Finanziaria, sindacati, autonomie locali e Terzo Settore lamentano però la mancanza di un reale confronto e una serie di dubbi ancora non fugati sull’entità del Fondo Sociale, sull’istituzione del Fondo per la Non Autosufficienza, sulla realizzazione di una legge di contrasto alla povertà.

Al di là comunque degli spettri della Finanziaria per il 2007 – “convitato di pietra” ormai in tutte le occasioni di dibattito sulle politiche sociali – dal confronto sono emersi dati di grande interesse che, qualora ce ne fosse bisogno, mettono a nudo le attuali criticità e la necessità di un rilancio delle azioni tracciate dalla Legge 328/2000.
In particolare, da quanto è emerso – anche se a  livello nazionale gli interventi e le deleghe previste dalla 328/2000 sono stati sviluppati molto poco – non sarebbe corretto affermare che la Legge quadro sia stata solo un proclama: le Regioni si sono lentamente mosse. In quasi tutte, infatti, sono stati pianificati o sono in via di realizzazione i Piani di Zona, in almeno otto di esse sono state varate leggi di riforma post-328, mentre in altre quattro sono in discussione i disegni di legge al riguardo. La strategia riformatrice non può però esaurirsi nel rapporto tra Stato e Regioni, ma deve necessariamente tenere conto degli altri Enti Locali

Il quadro tracciato da Emanuele Ranci Ortigosa, presidente dell’IRS (Istituto per la Ricerca Sociale), mostra come il sistema socio-assistenziale eroghi più dei quattro quinti delle sue risorse in sussidi economici, mentre solo il restante 20% è destinato a servizi e ausili. Una distribuzione delle risorse, quest’ultima, che ci allontana dai Paesi del Nord Europa, dove i servizi sono molto più articolati e sviluppati.
Da un’analisi sui beneficiari di questo 80% dei fondi destinato ai sussidi economici, emerge poi come un quinto di questi sia indirizzato a favore di redditi superiori alla media, mentre solo il 50% è destinato ai redditi più bassi.
Conclusione: il livello di rischio povertà delle famiglie italiane si abbassa di soli tre punti percentuali a seguito di questi interventi.
«Tutto ciò dimostra – ha commentato Ranci Ortigosa – che il nostro sistema com’è oggi conformato ha una bassa efficacia. Si tratta cioè di un sistema molto centralizzato e poco efficiente, e da qui l’importanza della Legge 328/2000, ovvero di un primo ripensamento generale di sistema, puntato alla realizzazione sul territorio di sistemi integrati di interventi e servizi sociali».

Alla luce di quanto detto, dunque, l’erogazione monetaria non terrebbe in considerazione l’ipotesi che in una determinata famiglia ci possa essere più bisogno di servizi che di risorse, cosa questa che dev’essere valutata sul territorio. Donde la necessità di un decentramento ancorato ai Livelli Essenziali delle Prestazioni Sociali (LIVEAS), finalizzati a definire dei diritti esigibili.
Proprio il dibattito sui LIVEAS ha finito per animare buona parte del breve incontro e le richieste al Governo sono state ben delineate in un documento elaborato dai componenti dell’Osservatorio, che qui in calce riportiamo.

Dichiarazione congiunta
sui Livelli Essenziali delle Prestazioni Sociali (LIVEAS)

Le Organizzazioni rappresentative delle Province, degli Enti locali, del Terzo settore e le Organizzazioni Sindacali firmatarie esprimono forti preoccupazioni riguardo la mancata applicazione dei Livelli Essenziali delle Prestazioni Sociali (LIVEAS) da parte dello Stato, che impedisce l’individuazione e la garanzia dei diritti sociali costitutivi la cittadinanza.
Chiedono pertanto al Governo di procedere alla definizione degli stessi in modo organico ed unitario – non limitandosi pertanto ad ipotesi di frazionamento per tipologia e settori di intervento – e di assumere nella redazione del provvedimento in oggetto gli orientamenti di seguito espressi, su cui le Organizzazioni firmatarie concordano:

1.
L’articolo 117 lettera M della Costituzione ha reso cogente per lo Stato la definizione dei livelli essenziali per garantire i diritti dei cittadini e per uniformare le prestazioni sociali nel territorio nazionale, tra le aree regionali e all’interno delle stesse.
Tale determinazione da parte dello Stato dev’essere il risultato di un processo di confronto e di intesa istituzionale con le Regioni e le Autonomie Locali, alle quali compete garantire le prestazioni e i servizi compresi nei livelli.
Il sistema integrato che si fonda anche sul principio di sussidiarietà orizzontale oltre che verticale richiede che i LIVEAS siano definiti con la partecipazione e il consenso delle forze sociali.

2.
La definizione dei LIVEAS, data la natura complessa dei bisogni sociali, richiede – per equilibrare la garanzia del diritto al benessere delle persone e delle famiglie con la necessaria flessibilità delle risposte – l’individuazione di un sistema omogeneo di interventi, presidi e servizi con standard definiti.
Il riferimento, per una corretta impostazione dei LIVEAS, resta quello della Legge 328/2000, in particolare l’articolo 22 e le normative connesse.
Su questa griglia debbono essere definiti ulteriori indicatori nazionali quali/quantitativi, da raccordare ai bisogni della popolazione.

3.
La definizione non può essere subordinata alle risorse attualmente disponibili e richiede una valutazione dell’impatto economico complessivo nazionale, regionale e comunale e la conseguente ripartizione dei costi della spesa sociale tra le diverse istituzioni coinvolte (Stato, Regioni, Comuni), che tenga conto della necessità di perequazione tra aree territoriali.
In questo quadro vi è la necessità di adeguare le risorse nazionali attualmente sottodimensionate agli standard europei, in rapporto al PIL, visto che con la dotazione del Fondo Nazionale si garantiscono soltanto alcuni diritti soggettivi e si sostengono alcuni interventi che non rappresentano certo i livelli essenziali.

4.
L’obiettivo può essere raggiunto con una gradualità definita, anche in rapporto alla necessità di perequazione tra le aree territoriali.

5.
I LIVEAS richiedono un quadro di riferimento nazionale, per quanto concerne le professioni sociali.

6.
Contestualmente all’avvio del processo dei LIVEAS, va assunto l’impegno da parte dei soggetti istituzionali, in raccordo con le parti sociali, ad attivare il sistema informativo sociale: base conoscitiva indispensabile della rete ai servizi, della domanda sociale, delle risorse in campo per una programmazione partecipata più coerente con la realtà e per la correzione delle disfunzioni.

7.
I LIVEAS vanno raccordati con la ridefinizione dei LEA [Livelli Essenziali di Assistenza, N.d.R.] sanitari, come elemento necessario al raggiungimento del massimo livello di integrazione sociosanitaria, ma anche per ampliare e qualificare l’offerta.
L’integrazione va estesa agli aspetti educativi, formativi e lavorativi, per affrontare in una visione unitaria il benessere delle persone e delle famiglie.

8.
Va definito compiutamente il sistema univoco di valutazione delle condizioni economiche (ISEE), garantendo maggiore tutela del reddito da lavoro dipendente e da pensione, prevedendo un coordinamento nazionale.

ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani)
Legautonomie – Associazione Autonomie Locali
UPI (Unione delle Province d’Italia)
CGILCISLUIL
Forum del Terzo Settore