Ma quanto vale l’assistenza?

Secondo un’indagine curata dal CERGAS dell’Università Bocconi di Milano, sarebbe di 7.000 euro all’anno la spesa a carico di una famiglia per l’assistenza ad una persona con grave disabilità. Ma valutando la questione in un altro modo, i conti non tornano proprio…

Adulto tiene per mano un bambinoMa quanto vale veramente l’assistenza prestata dai familiari alle persone con grave disabilità? Mediamente 7.000 euro all’anno, secondo una recente ricerca del CERGAS (Centro di Ricerche sulla Gestione dell’Assistenza Sanitaria e Sociale) dell’Università Bocconi di Milano, intitolata La governance locale nei servizi sociali. Risorse, attori, strumenti.

Come riferito dal sito SuperAbile, tale studio – promosso da SPI-CGIL Lombardia – valuta in 18.000 euro all’anno (molte spese mediche escluse) il costo globale di una persona con disabilità (nel senso restrittivo del termine), dei quali 7.000 appunto a carico della famiglia.
In questi 7.000 euro sarebbe compreso il valore monetario dell’assistenza prestata dai familiari, equiparandolo più o meno al costo di una badante.

A questo punto, però, ci dev’essere qualcosa che non quadra. Considerando infatti che un disabile grave necessita per definizione di assistenza continua ventiquattr’ore su ventiquattro e stimando ad esempio il costo di una badante (che certo non lavora ventiquattr’ore su ventiquattro e quindi ce ne vorrebbe più di una) sui 6 euro all’ora, siamo a 144 euro al giorno (6×24), vale a dire 52.560 euro all’anno, ovvero più di sette volte la cifra emersa dall’indagine…

Forse, dunque, non abbiamo letto l’articolo con sufficiente attenzione, né purtroppo disponiamo ancora del testo completo dell’indagine, ma le cifre sono troppo distanti dalla realtà per non causare un forte disorientamento e far sorgere in qualcuno l’idea che in fin dei conti queste famiglie dei disabili gravi gridano molto per quasi nulla. Per “soli” 7.000 euro all’anno…
Ma se invece fossero più di 50.000, non dovrebbero forse gridare ancora più forte?…

*Presidente ABC (Associazione Bambini Cerebrolesi) Liguria.

Stampa questo articolo