L’emergenza della malaintegrazione

Si terrà il 10 febbraio a Palazzolo Acreide, in provincia di Siracusa, il convegno-dibattito organizzato dall’ANFFAS locale (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale) e dedicato al tema dell’integrazione scolastica

È per fronteggiare una sorta di vera e propria “emergenza integrazione” in ambito scolastico che l’ANFFAS (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale) Banchi scolastici con bambina sullo sfondodi Palazzolo Acreide, in provincia di Siracusa, ha organizzato l’incontro dal titolo Integrazione scolastica e ruolo delle singole Istituzioni, che avrà luogo sabato 10 febbraio presso la Sala Consiliare del Comune acrense (Via Maestranza, ore 9.30). 

Il convegno-dibattito, cui sono stati invitati i genitori di ragazzi con disabilità, i responsabili e i rappresentanti per la Scuola e i Servizi Sociali delle istituzioni comunali e provinciali e quelli delle ASL, si articolerà come una tavola rotonda aperta alla discussione, all’analisi e al confronto.
Apriranno i lavori della giornata Giuseppe Giardina, presidente dell’ANFFAS locale, e Gabriella D’Acquisto, maggiore esponente dell’associazione a livello regionale, i quali cercheranno in primo luogo – come si intuisce dal titolo stesso dell’iniziativa – di richiamare ciascuna realtà coinvolta nel processo di integrazione scolastica all’assunzione delle proprie inderogabili responsabilità.

«Siamo arrivati ad una situazione di tale gravità – ci ha spiegato lo stesso Giardina – che l’ANFFAS ha avvertito l’urgenza, non solo la necessità, che istituzioni, genitori e associazioni come la nostra si siedano attorno a un tavolo per impegnarsi a dare vita a un dialogo serio e costruttivo, cercando i maggiori punti di intesa possibili, naturalmente sempre orientati al primario interesse degli studenti con disabilità».Studente con insegnante

La non corretta distinzione dei ruoli e delle competenze tra l’assistente all’autonomia e alla comunicazione e l’insegnante di sostegno; le poche ore previste per questi ultimi nelle scuole della zona; casi di ragazzi che al termine del percorso scolastico si sentono rifiutare la consegna del diploma che verrebbe sostituito con una sorta di attestato di frequenza: sono questi solo alcuni dei temi che verranno affrontati nel corso dell’incontro di Palazzolo Acreide.
Un momento importante, aperto a tutti, che assume oggi – alla luce dei recenti episodi di “malaintegrazione” che si stanno verificando in diverse scuole italiane – un significato ancora più profondo, ma che per portare a risultati concreti e duraturi ha bisogno della partecipazione e della collaborazione di tutte le figure coinvolte.
(C.N.)

Per informazioni:
ANFFAS, Sezione di Palazzolo Acreide e Zona Montana
tel. e fax 0931 881557,
ass.anffasonlus@tin.it.
Stampa questo articolo