- Superando.it - http://www.superando.it -

I parlamentari e i giornalisti firmano: fallo anche tu!

«Credo profondamente in questa battaglia di civiltà. La disabilità ci riguarda tutti da vicino, vorrei che non ce ne dimenticassimo. Chiedo a donne, uomini, giovani e meno giovani, di perdere un minuto per aderire a un’iniziativa che può servire a migliorare significativamente le condizioni di vita di tante persone, vicine e lontane».

La senatrice Baio Dossi aderisce alla campagna «1million4disability» e invita tutti i cittadini a firmareÈ questo l’appello lanciato dalla senatrice Emanuela Baio Dossi, che ha dunque deciso, come già altri parlamentari – tra i quali, notizia dell’ultima ora, il deputato Alessandro Forlani – di aderire ufficialmente alla grande campagna 1million4disability, lanciata nel gennaio di quest’anno dall’EDF (European Disability Forum), che punta a raccogliere entro il 30 settembre di quest’anno un milione di firme nei vari Paesi dell’Unione Europea, contro la discriminazione di oltre 50 milioni di cittadini con disabilità.
In particolare, il primo obiettivo è quello di far diventare legge in tempi rapidi e in tutti gli Stati Membri, la Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, che è oggi al varo della Comunità Europea, mettendo in luce innanzitutto la parità di trattamento in ambito lavorativo e scolastico delle persone con disabilità.

Com’è ormai ben noto ai nostri lettori, Superando.it ha lanciato questa iniziativa sin dai suoi esordi e ne sta seguendo i risultati passo dopo passo, cercando a sua volta di sensibilizzare le associazioni e i cittadini tutti a fornire il loro contributo per arrivare a questo fondamentale obiettivo.
Ad oggi sono in totale 209.009 le firme raccolte, come testimonia il sito aperto specificamente per la campagna, che viene continuamente aggiornato: un risultato importante, ma che richiede ancora un grande sforzo, nei prossimi due mesi, per coinvolgere il maggior numero di organizzazioni e persone possibili e raggiungere l’obiettivo.

Anche il senatore Alessandro Forlani aderisce alla campagna «1million4disability»E del resto altre adesioni importanti arrivano anche dal mondo del giornalismo, ad esempio con l’Associazione GSA (Giornalisti Specializzati Associati) – nata allo scopo di dare voce e visibilità a tutto quel mondo del giornalismo, tecnico e specializzato, finora rimasto in ombra all’interno del sistema informativo italiano – che ha deciso anch’essa di patrocinare ufficialmente la campagna.
«È ancora tanto il cammino per raggiungere il traguardo finale – ha dichiarato Roberto Bonin, presidente nazionale del GSA – e così, per stimolare una maggiore partecipazione dei media e dei cittadini, abbiamo deciso di patrocinare l’iniziativa e unire le forze dei nostri associati, per promuovere la campagna, affinché sempre più persone aderiscano ad essa, diffondendo la notizia o firmando il relativo modulo».
«Lavoreremo tutti insieme – ha aggiunto dal canto suo Simona Petaccia, presidente del GSA per il Centro Italia – al fine di realizzare quanto espresso dal sottotitolo della campagna, vale a dire “Facciamo in modo che la discriminazione sulla base della disabilità diventi storia passata”. E questo perché crediamo nel proposito di stimolare la Commissione e il Parlamento Europeo alla stesura di una direttiva trasversale alla Convenzione ONU contro la discriminazione verso le persone con disabilità, in ogni circostanza della loro vita».
(S.B.)

La traduzione italiana del testo che fissa i princìpi in base ai quali si è deciso di avviare la campagna di raccolta firme, è disponibile cliccando qui.
Il modulo con i punti essenziali della campagna e una griglia contenente dieci firme può essere stampato cliccando qui e poi utilizzato e spedito all’EDF.
La raccolta di firme, infatti, può avvenire sia tramite lo specifico sito internet della campagna, sia nella classica forma cartacea.

EDF (European Disability Forum)
Rue du Commerce, 39/41 – B – Brussels
tel. 0032 2 2824600, fax 0032 2 2824609
info@edf-feph.orghttp://www.edf-feph.org/
Sito della campagna (aperto il 23 gennaio 2007):
www.1million4disability.eu.