Al via gli Europei di basket

Ormai ci siamo: la nazionale italiana di basket in carrozzina è pronta ad affrontare il Campionato Europeo che inizia il 23 agosto a Wetzlar, in Germania. Se conquistasse la medaglia d’oro, ciò avverrebbe per la terza volta consecutiva

Damiano Airoldi, Mohamed Bargo, Fabio Bernardis, Matteo Cavagnini, Sergio Cherubini, Vincenzo Di Bennardo, Amine Moukhariq, Andrea Pellegrini, Fabio Raimondi, Andrea Emiliano Rocca, Stefano Rossetti e Mohamed Alì Sanna: vale la pena di citarli tutti, uno per uno e in rigoroso ordine alfabetico, i componenti della nazionale italiana di basket in carrozzina. Saranno loro, infatti, a competere per il titolo di Campione Europeo a Wetzlar, in Germania, dal 23 agosto al 2 settembre e, se lo vinceranno, ciò avverrà per la terza volta consecutiva.
Già nel 2003 in Italia e due anni fa a Parigi, la squadra italiana aveva conquistato la medaglia d’oro. Questa volta, però, la vittoria o comuque la qualificazione entro i primi quattro posti significherebbe anche la possibilità di accede alle Paralimpiadi di Pechino, che verranno inaugurate il 6 settembre del 2008.Un'azione durante una partita di basket in carrozzina

L’allenatore della nazionale Carlo di Giusto ha voluto preparare i giocatori con un ritiro di una decina di giorni in Piemonte, precisamente a Giaveno. Nel nuovo Palazzetto dello Sport, concesso gratuitamente e con entusiasmo dal Comune, gli allenamenti che si sono svolti a cavallo di Ferragosto sono stati intensivi, ogni mattina e ogni pomeriggio, allo scopo di affinare le prestazioni di ognuno.

Ora tutto è pronto per la Germania. Il conto alla rovescia è cominciato e da qui facciamo il tifo. La nazionale dovrà competere con Polonia, Olanda, Turchia, Germania e Israele. Nell’altro girone giocano Gran Bretagna, Spagna, Bosnia-Eregovina, Francia, Repubblica Ceca e Svezia. Intanto, Australia, Iran e Giappone si sono già conquistate il diritto a partecipare alla manifestazione internazionale delle Paralimpiadi, per la quale gli immensi preparativi sono già in corso. Per gli sportivi di tutto il mondo la fine di questo 2007 sarà dunque un momento intenso di allenamenti e di competizioni, volte all’assegnazione dei posti a disposizione per volare in Cina a difendere i colori dei propri Paesi.

Anche gli organizzatori dell’evento pechinese sono già immersi nei preparativi: si prevede di riuscire a coinvolgere circa ottanta mila volontari. Tale presupposta presenza non farebbe che sottolineare il dichiarato intento umanistico della manifestazione, «finalizzata a migliorare le qualità spirituali dei cittadini, a costruire un rinnovamento culturale, rendere più appetibile, sul piano estetico, l’ambiente urbano e la preparazione dei volontari».
(B.P.)

Per informazioni:
CIP (Comitato Italiano Paralimpico)
www.comitatoparalimpico.it/

Stampa questo articolo