Tutti i diritti umani e per tutti

È lo slogan ideale, quello scelto dalla Marcia per la Pace Perugia-Assisi di quest’anno, anche per la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) e per l’intero movimento delle persone con disabilità e delle loro famiglie, sempre più coinvolti in questo insostibuile strumento democratico di pressione politica verso i Governi

La Marcia per la Pace Perugia-Assisi di domenica 7 ottobre ha segnato un passaggio importante, con la rivendicazione di uno slogan che attraversa tutta la società civile, ponendo domande non rinviabili: Tutti i diritti umani per tutti.
Nella propria marcia di avvicinamento all’affermazione dei diritti, dunque, la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) e tutto il movimento delle persone con disabilità e delle loro famiglie hanno trovato un grande alleato.

Un'immagine della recente Marcia per la Pace Perugia-AssisiL’esperienza già avviata nel 2005 con lo slogan Stop alla povertà ha permesso, in questa edizione, di migliorare i rapporti e la visibilità delle persone con disabilità all’interno dell’immenso movimento che alimenta l’organizzazione della Marcia della Pace.
Si tratta adesso di consolidare i rapporti e strutturare la presenza della FISH e dei movimenti delle persone con disabilità all’interno dell’organismo organizzativo della Marcia stessa. E questo al fine di permetterci di migliorare ancora la nostra partecipazione all’interno di questo meraviglioso quanto insostituibile strumento democratico di pressione politica verso i Governi, affinché sia possibile costruire una società che includa pienamente le Persone e le diverse istanze che giungono dal variegato mondo della società civile.

Una grande emozione essere accolti, sostenuti e incitati a batterci perché quei diritti non sono solo il nostro obiettivo, ma di tutto l’intero movimento che con forza auspica il loro pieno raggiungimento.

*Presidente FISH Umbria (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap).

Stampa questo articolo