La Venicemarathon e l’accessibilità in laguna

È il terzo anno consecutivo che viene proposta l’iniziativa “A Venezia le barriere si superano di corsa”, ma questa volta verrà prolungato fino al 6 gennaio del 2008 il periodo di permanenza delle rampe allestite in occasione della Venicemarathon, che rendono accessibile alle persone con difficoltà motorie ben tre chilometri di percorso nella città lagunare

Oltre due mesi di accessibilità garantita in più parti della città, un’opportunità unica per fruire di Venezia come mai prima. Fino al 6 gennaio 2008, infatti, tredici ponti del capoluogo lagunare, da San Basilio (area del Porto) ai Giardini della Biennale, saranno resi fruibili a tutti attraverso rampe con una pendenza inferiore all’8%.

Una delle rampe allestite in occasione della VenicemarathonÈ per il terzo anno consecutivo che la collaborazione tra il Comune di Venezia e il Venicemarathon Club rende possibile l’iniziativa denominata A Venezia le barriere si superano di corsa, vale a dire il prolungamento della permanenza di tutte le rampe allestite in occasione della Venicemarathon, la competizione sportiva internazionale in programma domenica 28 ottobre.
E questo anche per il grande successo riscosso nelle edizioni precedenti, con elogi e apprezzamenti giunti non solo dalle persone con disabilità motoria, ma anche dalle mamme con i passeggini, dai turisti con le valigie e dagli anziani con le borse della spesa.
Fino al giorno dell’Epifania, dunque, grazie alle rampe saranno pienamente accessibili quasi tre chilometri di percorso, un’incantevole passeggiata in una delle zone più suggestive della città, tra le case, i palazzi e gli edifici storici da un lato, il canale della Giudecca e il Bacino di San Marco dall’altro.

Al fine di valorizzare ulteriormente l’opportunità, quest’anno i servizi di comunicazione del Comune di Venezia hanno anche realizzato un itinerario culturale ad hoc nelle aree che durante il resto dell’anno sono inaccessibili.
Esso si sviluppa su due distinti percorsi collegati fra di loro dal servizio di trasporto pubblico, accessibile alle persone con disabilità (Linea 1, fermate Salute – Arsenale). Il primo si snoda lungo la Fondamenta delle Zattere, toccando tra l’altro la Collezione Peggy Guggenheim – una delle più importanti pinacoteche del mondo in ambito di arte moderna – e la Basilica della Madonna della Salute, capolavoro di Baldassarre Longhena.
Il secondo invece si sviluppa sulla Riva degli Schiavoni, a due passi dall’Arsenale e dalla Biennale Internazionale d’Arte.
(Paola Caporossi)

L’itinerario culturale è disponibile cliccando qui.
Per ulteriori informazioni:
Informahandicap Comune di Venezia
tel. 041 2748144 (a Venezia), 041 2746144 (a Mestre)
informahandicap@comune.venezia.it.
Stampa questo articolo