- Superando.it - http://www.superando.it -

Una chiesa accessibile nel centro storico di Napoli*

Grazie alla realizzazione di un elevatore per l’eliminazione delle barriere architettoniche, la seicentesa Chiesa di Santa Maria dell’Aiuto, gioiello del barocco napoletano, diventa in pratica la prima chiesa del centro storico partenopeo a dotarsi di un ascensore per persone con disabilità.

Assunzione della Vergine di Gaspare Traversi (1749) nella Chiesa di Santa Maria dell'Aiuto a NapoliL’opera, eseguita a completamento di alcuni lavori di restauro recentemente effettuati, è stata attuata in accordo con la Soprintendenza ai Beni Ambientali e Architettonici di Napoli e Provincia.
L’ascensore, posto a lato della chiesa, non ne deturpa l’antica facciata, ma permette di accedere agevolmente all’interno anche ai fedeli con disabilità e di superare una barriera alta un metro e trentotto centimetri. L’elevatore è stato realizzato dalla stessa ditta che ha compiuto il restauro della cupola e delle volte riccamente ricoperte di stucchi.
«Molte persone anziane e con disabilità erano costrette a casa e quindi non potevano partecipare alle celebrazioni e ai momenti di incontro comunitari, ora invece sarà possibile prendere parte attivamente alla vita della parrocchia», ha commentato il parroco don Gennaro Acampa, che ha predisposto un’intera giornata dedicata agli ammalati e alle persone con disabilità che verrà celebrata il 30 maggio.

Questa soluzione, rara se non unica nelle storiche chiese cittadine, permetterà dunque ai fedeli e ai visitatori di accedere facilmente al santuario dove si venera l’immagine della Madonna dell’Aiuto incoronata per mandato di papa Leone XIII alla fine dell’Ottocento. (Elena Scarici)

*Testo già pubblicato dal portale SuperAbile e qui ripreso per gentile concessione di tale testata.