Donne con disabilità e maternità: un questionario

È ancora assai scarsa la letteratura e la documentazione disponibile sul tema “Maternità e disabilità”. Per questo il gruppo bolognese Nessun’Altra si rivolge a tutte le donne con disabilità – madri o meno che siano – con due distinti questionari, per poter ampliare le riflessioni in vista soprattutto di un seminario previsto per l’autunno prossimo

Donna in carrozzina apre una portaEssere donne disabili. E parlare di accettazione del proprio corpo, di presa di coscienza del proprio deficit, del rapporto con la famiglia e dell’educazione ricevuta, di inserimento lavorativo, delle relazioni con l’esterno – ovvero quelle con gli amici, quelle che si sviluppano in ambito scolastico o lavorativo e quelle con l’altro sesso – di sessualità, ma anche di maternità.

Dal 2006 il gruppo Nessun’Altra – affiliato all’AIAS di Bologna (Associazione Italiana Assistenza Spastici) e costituito da donne con deficit – si impegna nell’estrapolare e nell’elaborare le tematiche che oggi interessano le donne con disabilità.
I vari argomenti sono stati tra l’altro presentati e ulteriormente approfonditi durante il convegno denominato Al silenzio… All’imbarazzo… All’invisibilità. Tra femminile e disabilità, tenutosi a Bologna il 3 marzo 2007 e i cui atti verranno pubblicati a breve [se ne legga la presentazione in questo sito al testo disponibile cliccando qui, N.d.R.].

Considerato il successo ottenuto durante tale appuntamento, Nessun’Altra ha deciso di proseguire il proprio percorso e una delle prossime tappe prevede la realizzazione del seminario Un fragoroso silenzio, che si svolgerà il 28 novembre 2008 sempre a Bologna, presso il Polo Multifunzionale di Corte Roncati.
L’obiettivo di quell’incontro sarà quello di approfondire le tematiche della sessualità nelle persone con deficit, analizzando soprattutto la situazione delle donne e tra i vari aspetti che verranno approfonditi, particolare attenzione verrà attribuita alla realtà delle donne con disabilità che sono diventate madri.

E tuttavia, essendo disponibile ancora poca letteratura da cui attingere sul tema Maternità e disabilità, è proprio alle donne con deficit che sono diventate madri che chiediamo un aiuto, compilando un questionario che consenta una riflessione più ampia, rendendo note le diverse esperienze e valorizzando la voce delle dirette interessate.
Sarebbe la base ideale da cui partire, per mettere in luce gli aspetti più significativi e presentarne i risultati durante il seminario di novembre.
Analogamente, però, si vorrebbe capire anche il perché, invece, molte donne con disabilità hanno preferito non intraprendere questa strada, scegliendo cioè di non diventare madri. Ad esse rivolgiamo un secondo questionario.

Tutte le donne con disabilità, quindi, interessate a partecipare a tale iniziativa, possono restituire il questionario compilato (il n. 1 per coloro che sono diventate madri, il n. 2 per coloro che hanno scelto di non diventarlo) entro il 15 ottobre 2008, inviandolo all’indirizzo di chi scrive (renatapiccolo@tiscali.it).
Oppure lo si può spedire al seguente recapito postale: Gruppo Nessun’Altra, presso AIAS, Via Ferrara, 32, 40139 Bologna.

*Gruppo Nessun’Altra di Bologna.

Ricordiamo ancora una volta che i due questionari – rispettivamente quello dedicato alle donne con disabilità che sono diventate madri e quello invece per coloro che hanno scelto di non diventarlo – sono disponibili cliccando rispettivamente qui e qui.
Stampa questo articolo