Viaggi aerei e disabilità: conto alla rovescia per il nuovo Regolamento

Verrà presentato per l’Italia il 17 luglio all’Aeroporto Leonardo da Vinci di Roma Fiumicino il nuovo Regolamento approvato dal Parlamento Europeo nel 2006 – passaggio fondamentale per garantire in futuro alle persone con disabilità di viaggiare in aereo senza ostacoli – la cui entrata in vigore è prevista per il prossimo 26 luglio

Persone con disabilità in un aeroportoApprovato dal Parlamento Europeo il 5 luglio 2006 – dopo un lungo iter seguito passo dopo passo dal nostro sito – entrerà in vigore dal 26 luglio 2008, in ogni sua parte, il nuovo Regolamento Europeo CE 1107/06 sui Diritti delle Persone con Mobilità Ridotta nei Viaggi Aerei, passaggio fondamentale per garantire in futuro alle persone con disabilità di viaggiare in aereo senza ostacoli.

Ad illustrare il Regolamento stesso, nel corso di una conferenza stampa indetta per giovedì 17 luglio, presso l’Aeroporto Leonardo da Vinci di Roma Fiumicino (Sala Blu, ore 17), sarà Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione Europea ai Trasporti, dopo i saluti iniziali di Altero Matteoli, ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e di Fabrizio Palenzona, presidente degli Aeroporti di Roma (AdR).
All’incontro interverranno alcuni “testimonial” d’eccezione, quali i deputati Ileana Argentin e Carmelo Porcu, insieme al presidente del CIP (Comitato Paralimpico Italiano) Luca Pancalli. È prevista infine anche la partecipazione di Franco Giudice, direttore dello Sviluppo delle Infrastrutture e delle Operazioni di Adr, di Silvano Manera, presidente dell’ENAC (Ente Nazionale Aviazione Civile) e di Pietro Barbieri, presidente nazionale della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap).

L’evento – cui parteciperanno anche numerose associazioni di persone con disabilità – sarà chiuso da una visita alle strutture dell’Aeroporto Leonardo da Vinci dedicate all’assistenza dei passeggeri a ridotta mobilità. (S.B.) 

Persone con Disabilità e viaggi aerei
Il nuovo Regolamento Europeo
(in vigore dal 26 luglio 2008)

Il Regolamento CE 1107/06 sui Diritti delle Persone con Mobilità Ridotta nei Viaggi Aerei è stato approvato dal Parlamento Europeo il 5 luglio 2006 dopo un lungo iter.
Esso copre sostanzialmente tre aree, riguardanti:
– il pari trattamento per le persone con ridotta mobilità;
– la formazione e l’informazione;
– il miglioramento della qualità dei servizi.

Gli articoli appartenenti al primo gruppo – tra i quali vanno segnalati in particolare il 3° sul Divieto di rifiutare il trasporto, il 4° su Deroghe, condizioni speciali e informazioni, il 14° sull’Organismo di applicazione e suoi compiti e il 16° sulle Sanzioni – sono entrati in vigore il 26 luglio 2007; la parte rimanente, invece, entrerà in vigore il 26 luglio 2008.

«Se si considerano le persone con disabilità e quelle anziane – dichiarò al momento dell’approvazione il vicepresidente della Commissione Europea Jacques Barrot – circa il 10% della popolazione europea ha problematiche di mobilità ridotta e non è in grado di percorrere lunghe distanze, come spesso viene richiesto negli aeroporti continentali. La maggior parte delle compagnie aeree e degli aeroporti fanno già sforzi sinceri per offrire l’assistenza necessaria e tuttavia non tutti provvedono ad un’assistenza completa e garantita».
Queste criticità, dunque, sono state comprese nel Regolamento CE 1107/06, in cui è previsto che le persone con ridotta mobilità possano viaggiare in aereo senza ostacoli.
In particolare si è voluto far sì che nell’ambito dei voli comunitari, le compagnie e i tour operator non possano più rifiutare di imbarcare o di effettuare prenotazioni sulla base della ridotta mobilità, salvo misure di sicurezza debitamente giustificate.

Dal 26 luglio prossimo, quindi, gli aeroporti dovranno provvedere ad uno specifico pacchetto di servizi gratuiti per le persone con ridotta mobilità, tra i quali, ad esempio, il trasporto della carrozzina o del cane guida per i non vedenti.
Nell’imminenza dell’entrata in vigore, inoltre, ogni Paese dell’Unione Europea dovrebbe già avere istituito uno specifico organismo di supporto – o indicato uno già esistente – responsabile per l’applicazione della Direttiva sul proprio territorio.
Per l’Italia l’organo responsabile designato dal Governo è l’ENAC (Ente Nazionale Aviazione Civile) che sin dal luglio del 2007 raccoglie ogni segnalazione di disguidi o disservizi, anche tramite un indirizzo dedicato di posta elettronica (diritti.passeggeri.disabili@enac.rupa.it).

(a cura di Stefano Borgato)

Stampa questo articolo