- Superando.it - http://www.superando.it -

Piccoli grandi successi che danno la forza di andare avanti

Il Distretto Sanitario di Base di Montesilvano dopo l'intervento...«Ma i Distretti Sanitari di Base non sono quei luoghi che hanno l’obbligo di individuare i bisogni di salute dei cittadini e che devono saper organizzare risposte anche promuovendo l’integrazione attraverso servizi sociali?».
Se l’era chiesto qualche tempo fa il nostro lettore di Montesilvano (Pescara) Claudio Ferrante, della CGIL FP (Funzione Pubblica), denunciando sul nostro sito la situazione del proprio Comune, ove appunto – nonostante mesi e mesi di proteste pubbliche, con lettere a tutte le Istituzioni locali e nazionali e vari articoli di giornale – il Distretto Sanitario di Base continuava a restare inaccessibile alle persone con disabilità, avendo gli uffici posti al primo piano di un edificio senza ascensore e con tre rampe di scale.

...e prima dell'interventoEbbene, oggi lo stesso Ferrante ci scrive: «Ora il Distretto ASL di Montesilvano è più accessibile: sono state infatti ristrutturate delle stanze, con la collocazione a piano terra dell’Ufficio di Esenzione per il Ticket!».
Un gran bel risultato, dunque, frutto – come ricorda il lettore – di ben otto denunce pubblicate sui quotidiani locali, di tre lettere inviate ai vertici dell’ASL pescarese e agli amministratori regionali, di altri messaggi inviati a ventuno deputati e anche al presidente della Repubblica.
«Non mi vergogno di esternare la mia felicità e l’emozione per questa vittoria della dignità, delle pari opportunità e della civiltà – continua Ferrante – anche se a questo si aggiunge il rammarico di dover rendere pubblica “la nostra difficoltà”, quella cioè di chi ha una malattia e forse vorrebbe viverla con riservatezza e discrezione. Molto spesso, invece, siamo costretti a gridare e a denunciare pubblicamente l’inciviltà e l’insensibilità di strutture pubbliche, come in questo caso l’ASL, che appartengono al Sistema Sanitario nazionale preposto al recupero della “disabilità”».

Ma tant’è e anzi – almeno per una volta – si può registrare la notizia che un organo d’informazione sembra avere svolto il proprio dovere fino in fondo.
«Un ringraziamento particolare – sottolinea infatti Ferrante – va al quotidiano abruzzese “Il Centro” che ha informato, denunciato e raccontato le difficoltà che in questo caso rappresentavano le barriere architettoniche. Un giornale che ha saputo svolgere davvero il ruolo che spetta ai mass media, usando sempre il rispetto e la sensibilità, senza per altro mai speculare su un argomento così delicato come quello della disabilità».

È una piccola, grande vittoria, questa – come l’abbiamo definita nel titolo – che può far davvero ben sperare per migliaia di altre situazioni irrisolte, di tono analogo, presenti nel nostro Paese. Ma sia per Ferrante che per il sindacato da lui rappresentato, essa va senz’altro considerata come un “punto di partenza”.
Dopo avere infatti elogiato Lucia Romandini dell’ASL pescarese per la cortesia e per averlo chiamato a controllare di persona i lavori eseguiti, il nostro lettore ha voluto ricordare alla funzionaria che al di là di ogni battaglia locale, «esistono già ben numerose le norme che imporrebbero agli amministratori del nostro Paese di abbattere ostacoli che impediscono ai cittadini di accedere agli uffici pubblici o aperti al pubblico: a partire dalla Costituzione, si passa poi alla Legge 104/92 al DPR 503/96, senza dimenticare la Legge 13/89, il DM 236/89 e, più recentemente, il DPR 380/01».

Un punto di partenza, dicevamo, e non a caso Ferrante conclude la propria lettera parlandoci di quello che si sta già facendo per ottenere altri risultati a Montesilvano: «Da troppo tempo attendiamo un Distretto Sanitario di Base nuovo e oggi il progetto sembra ormai in fase di realizzazione. In tal senso abbiamo incontrato, come CGIL, il sindaco Pasquale Cordoma e il presidente del Consiglio Comunale Valter Cozzi il cui obietivo sembra voler essere quello di eliminare completamente le barriere in tutta la città. Hanno cominciato dal Palazzo Comunale, installando un ascensore, eliminando gradini, costruendo rampe e un nuovo bagno per le persone con disabilità. Inoltre verranno predisposti in città nuovi parcheggi riservati. Abbiamo avuto anche la conferma che il nuovo Distretto dell’ASL rispetterà tutti i requisiti tecnici di legge».

Il “percorso virtuoso” di Montesilvano sembra quindi avviato nel migliore dei modi e non possiamo che salutarlo anche noi con soddisfazione, mantenendo per altro sempre alta l’attenzione sui fatti concreti che dovranno seguire ai buoni propositi. (S.B.)