- Superando.it - http://www.superando.it -

All’insegna dell’accoglienza e dell’integrazione

E dopo che recentemente alcune barriere sono state abbattute nel Distretto Sanitario di Base – vicenda seguita a lungo anche dal nostro sito (si veda il testo intitolato Piccoli grandi successi che danno la forza di andare avanti, disponibile cliccando qui) – arriva sempre da Montesilvano (Pescara) un’altra notizia cui ben volentieri diamo spazio, riguardante questa volta un incontro perfettamente riuscito, all’insegna dell’accoglienza e dell’integrazione.

Il gruppo dell'ANFFAS di Roma ricevuto dal Comune di MontesilvanoQualche giorno fa, infatti, ventisette persone con disabilità dell’ANFFAS di Roma (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale) – organizzazione che già da alcuni anni trascorre le vacanze nella città abruzzese – hanno potuto recarsi in gita nella vicina località di Atri (Teramo), per visitarne insieme ai loro accompagnatori le bellezze artistiche, storiche e culturali, grazie al pullman attrezzato messo a disposizione dal Comune di Montesilvano.
«Siamo rimasti positivamente sorpresi – ha affermato la dottoressa Scatà, responsabile del gruppo romano – per l’accoglienza ricevuta e per la sensibilità che il Comune di Montesilvano ha mostrato nei confronti di questo “mondo”».
«Un’accoglienza turistica nel segno dell’integrazione, che ci fa onore», ha dichiarato dal canto suo Claudio Ferrante, responsabile dell’Ufficio DisAbili del Comune, struttura sorta nell’ottobre del 2007, che ha coordinato l’iniziativa insieme all’Ufficio della Pubblica Istruzione. «Vedere questi ragazzi commossi e felici – secondo Ferrante – è il più bel regalo che si possa ricevere dalla vita».

Emozionato anche il presidente del Consiglio Comunale Valter Cozzi – impegnato insieme all’assessore Fabrizio Bosio e al consigliere Vittorio Catone nel consentire la gita alle persone dell’ANFFAS – che ha successivamente ricevuto in municipio la delegazione: «Grazie al nostro piccolo aiuto, questi ragazzi hanno conosciuto una “fetta” della Regione. Ci hanno ringraziato per l’ottima accoglienza ricevuta e hanno gradito la targa ricordo che abbiamo loro offerto per la permanenza nella nostra città». (S.B.)