- Superando.it - http://www.superando.it -

L’amore e la sessualità delle persone con disabilità

Marc Chagall, Promenade, 1917, San Pietroburgo (Russia)«Le problematiche affettive e sessuali delle persone con disabilità rappresentano una dimensione molto appassionante nelle relazioni di aiuto, ma ancora poco esplorate»: è su queste basi che nella stessa giornata di venerdì 26 settembre verranno proposti due interessanti appuntamenti in zone d’Italia molto lontane tra loro.

Partiamo dal Convegno Regionale Disabilità e Sessualità, organizzato a Torino (Sala Antico Teatro, Via San Marino, 10, 10134 Torino, ore 9-13.30) dall’ADN (Associazione Diritti Negati), in collaborazione con il Servizio Passepartout della Città di Torino e il locale Centro Servizi per il Volontariato (VSSP).
L’iniziativa rientra nell’ambito del progetto più generale, promosso dalla stessa ADN, denominato Disabilità e Sessualità per lo Sviluppo e la Promozione di Interventi sui Temi dell’Affettività, Sessualità e Genitorialità delle persone disabili nell’area delle disabilità fisico-motorie, neuromuscolari e post-traumatiche ed intellettive, con il quale si intende proporre – nel territorio regionale piemontese – un servizio di consulenza pedagogica, educativa, psicologica e psicosessuologica, con attività di sensibilizzazione e formazione, volte ad operatori, famiglie, insegnanti, associazioni, volontari e persone con disabilità, a cura di un’équipe di educatori, operatori, volontari e peer educators (“educatori alla pari”), che si avvarranno della supervisione di un Comitato Scientifico.
All’appuntamento di Torino del 26 settembre – moderato da Giuseppe Melchiorre, membro dell’Associazione META (e TIRA americana) per i counselor – interverranno lo psicologo e psicoterapeuta Fabio Veglia (Le dimensioni della sessualità umana: promuovere una vita sessuale sostenibile), il dirigente medico di 1° livello presso l’Unità Operativa di Neuro/Urologia e Unità Spinale della Regione Piemonte Mauro Petrillo (La sessualità e le disabilità neuromotorie: le disfunzioni, i problemi, i rimedi e… i risultati raggiunti), la neuropsicologa e psicoterapeuta Marina Zettin (La neuropsicologia della sessualità), Elsa Viora e Bianca Masturzo (L’esperienza di un ambulatorio di ostetricia e ginecologia dedicato alle donne con disabilità) e gli operatori del Servizio Disabilità e Sessualità Loredana Morena Terren e Domenico Colace.

Obiettivi analoghi – come detto – anche per il Convegno Distrettuale intitolato L’amore per le persone con disabilità, che sempre venerdì 26 settembre si terrà a Modica, in provincia di Ragusa (Sala Istituto “G. Verga”, Piazzale Fabrizio, ore 16), per il quale sono significative le parole pronunciate dai responsabili del Centro Servizi Volontariato Etneo (Distretto Territoriale del Volontariato Ragusa Sud), che hanno promosso l’iniziativa: «Vogliamo comunicare che anche le persone con disabilità vogliono vivere i loro sentimenti e la loro sessualità».
Al convegno siciliano – moderato da Valentina Raffa del giornale «La Sicilia» – parteciperanno Francesco Provvidenza, presidente dell’ANFFAS di Modica (Associazione Nazionale Faniglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale), Paolo Santoro, presidente dell’ASSOD (Associazione Sostegno Disabili) di Ispica (Ragusa), Aurora Olimpia, presidente dell’ANFFAS di Donnalucata (Ragusa), Maria Boscarino, presidente dell’Associazione L’Angelo di Modica, Antonio Saglimbeni, presidente dell’Associazione Piccoli Fratelli di Modica, Stefania Donzella, presidente della VOSDI (Volontari Sostegno Disabili) di Ispica e Giovanna Tona, referente per la SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica) di Modica.
Concluderà i lavori Bruno Tescari, presidente della Consulta della Regione Lazio sull’Handicap. (S.B.)

Per ulteriori informazioni sul convegno di Torino:
– Domenico Colace (tel. 011 4428014), Maria Grazia Mitillo
(tel. 011 4428013),
mariagrazia.mitillo@comune.torino.it
Per ulteriori informazioni sul convegno di Modica:
– Centro Servizi Volontariato Etneo – Ragusa
tel. 0932 655466,
ragusa@csvetneo.org.