Gli Stati Generali delle Scuole del Mezzogiorno

Questioni legate all’attualità, ma anche conseguenze ormai storiche di errori e problemi del passato: sarà un grande forum di idee a confronto quello che si terrà a Castel Volturno (Caserta), dal 5 al 7 novembre, per ripensare la Scuola del Mezzogiorno in una prospettiva multietnica e anche di integrazione, visto che uno specifico tavolo di lavoro sarà dedicato proprio agli studenti con disabilità

Bimbo alla lavagna con espressione accigliataSarà interamente dedicato a La scuola dell’inclusione e la qualità della partecipazione, uno dei sei tavoli di lavoro previsti a Castel Volturno (Caserta), da venerdì 7 a domenica 9 novembre, per un importante appuntamento voluto dagli assessori delle Regioni del Sud, vale a dire gli Stati Generali della Scuola del Mezzogiorno.

«La politica di tagli all’istruzione di questi ultimi anni – spiega Corrado Gabriele, assessore all’Istruzione, alla Formazione e al Lavoro della Regione Campania – ha avuto le sue ricadute più pesanti proprio sulla scuola nel Sud. Occorre dunque, a nostro avviso, una mobilitazione delle Istituzioni, delle donne e degli uomini del Mezzogiorno e di tutte le forze genuinamente democratiche che ritengono che le scelte sinora operate dal Governo e dal Parlamento creino una situazione di impoverimento di tutto il sistema e che, in particolare, rischino di rendere insanabili le differenze tra il Nord e il Sud del Paese. Proprio perché crediamo necessario il coinvolgimento di chi vive la Scuola, abbiamo strutturato questo evento a carattere partecipativo e riteniamo indispensabile iniziare a raccogliere contributi e suggerimenti».
Un grande forum di contributi, dunque, per aprire, conclude Gabriele, «ciò che appare quanto mai urgente e indifferibile, ovvero un confronto fattivo sui riflessi delle recenti determinazioni del Governo e del Parlamento sulla struttura complessiva del sistema di istruzione nel Mezzogiorno».

Nel dettaglio del programma, va segnalato che il tavolo di lavoro dedicato agli studenti con disabilità (temi previsti: I diritti dei ragazzi con disabilità e il progetto di vita; Il sostegno; L’applicazione del metodo Feuerstein; La rete dei servizi; Una scuola partecipata per una scuola solidale e di qualità) sarà coordinato da Raffaele Iosa, ispettore scolastico dell’Emilia Romagna e vi parteciperanno Antonio Nocchetti dell’Associazione Tutti a Scuola di Napoli; Vito Bardascino della FISH Campania (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap); Emilia Napolitano, presidente di DPI Italia (Disabled Peoples’ International); Tonino Doria, segretario regionale per la Campania della UIL Scuola; Claudio Zullo, presidente dell’Ordine degli Psicologi della Regione Campania; e un esponente del progetto della Regione Campania Scuole Aperte. È stata invitata anche la presidente nazionale dell’ENS (Ente Nazionale per la Protezione e l’Assistenza dei Sordi) Ida Collu.
I lavori di tale gruppo partiranno sabato 8 novembre (ore 15).

Per quanto poi riguarda gli altri tavoli, essi saranno rispettivamente La Costituzione, il Federalismo, l’Istruzione: quali scenari per il Mezzogiorno – Successo formativo, azione docente nei contesti locali, contrasto alla dispersione scolasticaQualità dell’edilizia scolastica per l’edificio educanteScuola e cittadinanza. Qualità dei legami sociali e degli strumenti culturali come fondamenti di legalitàImmigrazione, emergenza sociale e diritto alla scuola.

Da segnalare infine una bella iniziativa prevista in conclusione dell’evento, vale a dire – domenica 9 novembre (Piazzale di Baia Verde a Castel Volturno, ore 19) – la manifestazione concerto antirazzista e anticamorra dedicata allo scrittore Roberto Saviano, che vedrà esibirsi – sul luogo dell’assassinio dell’imprenditore Domenico Noviello – l’artista sudafricana Miriam Mabeka, icona della lotta all’apartheid e Maria Nazionale, cantante napoletana e attrice nel film Gomorra, a sottolineare l’unione di due culture e di popolazioni diverse che vivono sullo stesso territorio. (S.B.)

Il programma completo delle tre giornate di Castel Volturno è disponbile cliccando qui.
Per ulteriori informazioni: info@scuoledelmezzogiorno.com.
Stampa questo articolo