Eboli: crescono i servizi di assistenza agli studenti disabili

Ha ottenuto infatti risultati sorprendenti e ben oltre le aspettative l’iniziativa avviata nelle scuole del Comune salernitano dall’Assessorato alle Politiche Sociali, insieme alla Cooperativa Anche Noi. Si prosegue quindi sin d’ora e si continuerà a farlo anche nell’anno scolastico 2009-2010, con nuove proposte che comprenderanno non solo la tradizionale assistenza in aula, svolta dagli educatori professionali, ma anche attività migliorative e formative. Il tutto verrà presentato il 26 febbraio nel corso di un pubblico convegno

Bimbo con disabilità a scuola, insieme a un'assistentePer il secondo anno consecutivo l’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Eboli (Salerno) metterà in campo il servizio di assistenza alla disabilità nelle scuole (se ne legga una presentazione, in questo stesso sito, al testo disponibile cliccando qui), anche questa volta con il supporto della Cooperativa Sociale Anche Noi – già promotrice di numerose attività collegate strettamente all’assistenza scolastica – e di uno staff composto da psicologi, counsellor ed esperti del settore.

L’iniziativa – insieme alle novità che ne caratterizzeranno la riproposta già dal presente anno scolastico e per il prossimo – verrà presentata nel corso di un pubblico convegno previsto per giovedì 26 febbraio presso il Liceo Classico “E. Perito” di Eboli, cui parteciperanno anche il sindaco ebolitano Martino Melchionda e Anna Buoninfante, presidente della Cooperativa Anche Noi.
A presentare nel dettaglio la nuova struttura del servizio – che comprenderà non solo la tradizionale assistenza in aula, svolta dagli educatori professionali, ma anche attività migliorative e formative – sarà la coordinatrice dello stesso, la psicologa Barbara Giacobbe.
«Oltre all’insegnante di sostegno alla classe – spiega la stessa Giacobbe – sono state attivate figure educativo/assistenziali di competenza del Comune che intervengono nelle scuole del nostro territorio. Durante il passato anno scolastico, seppure gli istituti scolastici si confrontassero per la prima volta con questo tipo di servizio, gli obiettivi raggiunti sono andati oltre le aspettative. Il gruppo di progetto, infatti, con le sue singole professionalità, si è fin da subito integrato nelle scuole, raggiungendo, insieme al personale scolastico, risultati lodevoli, già presentati in occasione di un convegno tenutosi nel giugno 2008 [se ne legga la nostra presentazione al testo disponibile cliccando qui, N.d.R.]».
«Per i prossimi mesi e per l’anno scolastico che verrà – continua Giacobbe – metteremo in campo un nuovo progetto che punterà maggiormente su aspetti migliorativi e formativi, per elevare la qualità del servizio erogato in favore degli alunni e delle loro famiglie. Spero dunque che l’evento da noi promosso per il 26 febbraio possa costituire un’ulteriore occasione per concentrare gli sforzi verso obiettivi comuni, rafforzando la collaborazione tra ASL, Comune, Piano di Zona, istituti scolastici e operatori del Terzo Settore, affinché si realizzi concretamente l’integrazione scolastica e l’inclusione sociale per i nostri ragazzi».

Un altro ospite della giornata sarà lo psicologo infantile Raffaele Lucerini, che si soffermerà sul tema Facilitazione come possibile comunicazione aumentativa e/o alternativa: gli aspetti etici e formativi.
A chiudere il convegno saranno Francesco Bello e Luca Sgroia, assessori comunali rispettivamente alla Pubblica Istruzione e alle Politiche Sociali. Modererà gli interventi Generoso Di Benedetto, fondatore della Cooperativa Anche Noi e rappresentante di DPI Italia (Disabled Peoples’ International). (S.B.)

Per ulteriori informazioni: Società Cooperativa Sociale Anche Noi (Barbara Giacobbe), tel. 0828 030211, coop.anchenoi@libero.it.
Stampa questo articolo