- Superando.it - http://www.superando.it -

Comune libero da disabili?

Mani sul viso di una persona, in un'espressione disperataAbbiamo riportato nei giorni scorsi le “curiose” parole di Michele Degnoni, sindaco di Bornasco, in provincia di Pavia, il quale, secondo quanto riportato dal quotidiano «La Provincia Pavese», avrebbe risposto così alle pressanti richieste di un cittadino di eliminare le barriere architettoniche diffuse in tutta la cittadina lombarda: «Qui non serve perché per fortuna di disabili a Bornasco non ce ne sono»…
Dubitando assai che in una località di 2.322 abitanti, con la popolazione in crescita, non viva nemmeno una persona con disabilità o che “cammina male”, avevamo anche sperato in una smentita di quelle dichiarazioni – che non è ancora arrivata – invitando poi qualche persona con disabilità del posto a scriverci…

In quella sede, per altro, avevamo lasciato da parte ulteriori logiche conseguenze di quelle parole e per questo ben volentieri cediamo la parola a Giulio Nardone, presidente dell’ADV (Associazione Disabili Visivi) che ci ha scritto subito dopo avere letto il nostro articolo.
«Vorrei ricordare al sindaco di Bornasco – sono le parole di Nardone – che gli edifici o gli spazi pubblici o aperti al pubblico devono essere esenti da barriere architettoniche e percettive a prescindere dall’esistenza o meno di residenti con disabilità e che un disabile potrebbe anche venire “da fuori”». «Oppure il Sindaco – conclude il presidente dell’ADV – intende esporre all’ingresso della sua citta il cartello con la scritta Bornasco, Comune Disability Free, ovvero “zona libera da persone con disabilità”?»…

Un supplemento di informazione che dovevamo ai lettori, mentre continuiamo ad attendere con fiducia che qualcuno smentisca quelle dichiarazioni riportate dal quotidiano pavese. (S.B.)

Il nostro precedente articolo cui si fa riferimento è intitolato Proprio nessun disabile? Ma ne è sicuro, Signor Sindaco? ed è disponibile cliccando qui.