- Superando.it - http://www.superando.it -

L’educazione è un posto dove ci piove dentro

La locandina della due giorni di BolognaDue giornate di studio e gioco, dal titolo L’educazione è un posto dove ci piove dentro. Educazione – Formazione – Animazione: è questa la proposta dell’Associazione Centro Documentazione Handicap (CDH) – Cooperativa Accaparlante, per sabto 14 e domenica 15 marzo a Bologna (ex Convento di Santa Cristina, Piazzetta Morandi, 2), appuntamento in cui incontrare e conoscere modi e pratiche del lavoro educativo e formativo che mettono al centro il sapere che passa dall’esperienza, per poterle sperimentare e vivere in prima persona.

«Parafrasando Italo Calvino sulla fantasia – spiegano gli organizzatori – anche l’educazione è per noi “un posto dove ci piove dentro”, un luogo che dà e riceve senso quando è capace di fare incontrare le persone in un progetto di crescita reciproca, un luogo esposto agli imprevisti della relazione, ricco di possibilità, se chi lo abita si muove con attenzione, rispetto e ascolto delle storie che le persone portano. Quello del 14 e 15 marzo, quindi, sarà un evento per incontrare i saperi in azione: le idee, i gesti, le parole, il corpo, le emozioni, la relazione, per ragionare e riflettere, a partire da esperienze concrete, sulla scommessa di un’educazione aperta, accogliente e competente».

Tre le parti in cui verranno divise le due giornate, partendo nella mattinata di sabato 14 (ore 9.30-13), intitolata Conversazione tra esperienze italiane che lavorano in ambito educativo e formativo con un L'attore Alessandro Fullin sarà protagonista dello spettacolo «Gengis Khan ovvero il problema del tartaro», durante il Convegno di Bolognaapproccio esperienziale, partecipativo e laboratoriale. Vi parteciperanno Riziero Zucchi dell’Università di Torino; Gianfranco Caramella e Luca Malvicini del Progetto Ri-Trovare il tempo: la formazione per sostenere chi cura e costruisce strategie di rete (Associazione Fa.Di.Vi. e Oltre di Genova); Luca Lambertini della Rete Cittadina e Nazionale Progetto Corridoio (Associazione Mammut, Scampia, Napoli); Luigi Goffredi della Fondazione Il Forteto Dicomano (Firenze); Maurizio Stupiggia della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Biosistemica di Bologna. Conduttore e animatore sarà Roberto Parmeggiani del CDH di Bologna.

Nel pomeriggio di sabato 14, poi (ore 14.30-18.30), l’Attivazione di laboratori tematici con l’obiettivo di fornire ai partecipanti un luogo di apprendimento attivo di saperi e tecniche specifiche. Vi interverranno Andrea Margini e Tristano Redeghieri (La disabilità non va in fuori gioco: lo sport e il gioco); Claudio Imprudente, Roberto Parmeggiani, Luca Giommi e Paola Santandrea (L’Omino Macchino e la sfida della tavoletta. La scuola, la comunicazione e la logica della lentezza); Alessandra Gruppioni (Il giardino dei ricordi. Laboratorio di scrittura autobiografica); Fabrizio Bonora (Ne ho piene le scatole. Piccolo laboratorio di narrazione e improvvisazione per riempire il pieno con un po’ di vuoto); Claudia Cervellati (L’essenziale è invisibile agli occhi… anche a scuola. Laboratorio di conoscenza ed esperienza di emozioni); Rosanna De Sanctis (Il corpo in gioco. Laboratorio psicocorporeo); Carlo Ridolfi (Pensare con gli occhi. Dall’educazione all’immaginazione alla formazione dello sguardo).
Infine, nella mattinata di domenica 15 (ore 10-13), Storie ed immagini sul tema dell’educazione e del futuro. Video, spezzoni di film, altri spunti per riflettere insieme, a cura di Guido Armellini, docente di Letteratura Comparata all’Università di Verona.

Interessante, per concludere, anche il momento di spettacolo previsto per la sera di sabato 14 (ore 21.30), con Gengis Khan ovvero il problema del tartaro, realizzato da Alessandro Fullin – apprezzato dal grande pubblico nel varietà televisivo comico Zelig – che per l’occasione affronterà “due spinose questioni”: le invasioni barbariche e la pulizia interdentale. (S.B.)

Per ulteriori informazioni: Associazione Centro Documentazione Handicap (CDH) – Cooperativa Accaparlante di Bologna, tel. 051 6415005, annalisa@accaparlante.it (Annalisa Brunelli).