Tutti potranno scoprire in barca il delta del Po e le lagune venete

È stato infatti presentato nei giorni scorsi a Rovigo il progetto denominato “Fenice”, consistente in uno studio di ricerca per la realizzazione di un modello di battello fluviale e lagunare – il primo del genere in Italia – per un turismo di qualità accessibile anche alle persone con disabilità. Un ulteriore interessante segnale di attenzione, quindi, che potrà consentire a tutti di scoprire da una nuova prospettiva luoghi affascinanti come la Riviera del Brenta, la laguna di Venezia e il delta del Po

Una particolare imbarcazione in grado di fare apprezzare il paesaggio delle lagune venete e quello del delta del Po anche alle persone con disabilità: è questo il risultato che si propone il Progetto Fenice, presentato nei giorni scorsi a Rovigo e cofinanziato anche dalla Regione Veneto.
Un'immagine della Laguna VenetaSi tratta, in sostanza dello studio di ricerca per la realizzazione di un modello di battello fluviale e lagunare – il primo in Italia del genere – per il turismo sostenibile, con la particolarità di essere in grado di abbattere il moto ondoso e utilizzabile appunto anche dalle persone con disabilità. Un tentativo preciso, dunque, di incrementare un turismo per tutti, indirizzato alla tutela ambientale, al relax e alla visitazione di luoghi incontaminati.
In tal senso la zona del delta del Po offre negli ultimi anni opportunità sempre più interessanti, tanto che a Porto Viro, sin dal 1995, è stata creata la Società Houseboat Holidays Italia che dal 2000 si occupa solo di turismo in battello, noleggiando da marzo a novembre le sue trentacinque imbarcazioni per vacanze atipiche in mezzo all’acqua dei fiumi e delle lagune venete, dalla Riviera del Brenta alla navigazione sul Po e sul delta, fino alla laguna di Venezia.

«Abbiamo pensato ad un progetto di ricerca – ha dichiarato in sede di presentazione dell’iniziativa il presidente di Houseboat Holidays Italia Bruno Moretti – che sia in grado di rispondere a tutte le richieste del mercato, offrendo l’opportunità anche alle persone con disabilità di non essere escluse dalle bellezze uniche che questo tipo di turismo può offrire. Chiunque infatti può approcciarsi a imbarcazioni come queste, anche senza essere un provetto marinaio, e navigare per un’intera settimana visitando posti meravigliosi».

Un ulteriore interessante segnale di attenzione, quindi, per un “turismo di qualità”, che come tale non può certo mancare di rivolgersi anche persone dalla mobilità difficile. (S.B.)

Per ulteriori informazioni: Società Houseboat Holidays Italia, tel. 0426 666025, info@houseboat.it.
Stampa questo articolo