Disabilità e lavoro: una grande opportunità in Basilicata

Si tratta del Progetto “Match”, iniziativa della Provincia di Potenza, che verrà realizzato in collaborazione con la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) e la Fondazione Don Gnocchi, mirando all’inclusione lavorativa di quindici persone con disabilità. Una grande opportunità per una Regione in cui da anni si aspetta il collocamento al lavoro mirato, tramite un accordo, tra l’altro, che si rifà esplicitamente ai princìpi della Convenzione ONU sui Diritti delle persone con Disabilità. Ed è certamente un primato positivo, solo due giorni dopo la ratifica della Convenzione da parte del Parlamento Italiano

Donna con disabilità al lavoroPromosso dalla Provincia di Potenza e gestito dall’APOF-IL (Agenzia Provinciale Orientamento Formativo-Istruzione Lavoro), il Progetto Match mira all’inclusione lavorativa di quindici persone con disabilità.
A distanza dunque di soli due giorni dalla ratifica della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità da parte del Parlamento Italiano, avvenuta lo scorso 24 febbraio (Legge 18/09), la Provincia di Potenza può certamente vantare il positivo primato di essere stata fra le prime ad avere sottoscritto un protocollo d’intesa – con la Conferenza dei Sindaci dell’Ambito Lagonegrese, l’Azienda Sanitaria di Potenza e l’APOF-IL – all’interno del quale viene concordato che «la Provincia e gli organismi istituzionali partner del progetto si impegnano a rispettare e promuovere i princìpi e l’articolato della Convenzione ONU per i diritti delle persone con disabilità».

Match verrà realizzato con la collaborazione della FISH Nazionale (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) e della Fondazione Don Gnocchi, con le quali è stato stipulato un protocollo di intesa sulla base di un piano di attività.
La FISH trasferirà quindi il proprio know how sui sistemi di inclusione sociale e lavorativa delle persone con disabilità e opererà in sinergia con gli operatori di sistema e con le persone con disabilità su: Convenzione; ICF [la Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, definita dall’OMS, N.d.R.] e progetti individuali; Legge 68/99 e buone prassi in Italia; Consulenza alla Pari; supervisione di tutte le azioni di progetto.
Con la Fondazione Don Gnocchi, invece, si sperimenteranno le procedure per un collocamento mirato delle persone con disabilità, attraverso una metodologia che comprende anche l’utilizzo di un software di incrocio domanda-offerta di lavoro già adottato dalle Province di Roma e di Milano in ottemperanza alla citata Legge 68/99 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili).
Anche qui le azioni saranno rivolte sia agli operatori di sistema del Centro per l’Impiego sia ai diretti beneficiari.

Il progetto avrà la propria sede a Lauria (Potenza) e abbraccerà i dodici Comuni dell’Ambito Lagonegrese. Per la Basilicata questa iniziativa rappresenta una grande opportunità per produrre azioni di sistema qualificate, replicabili a beneficio di tutte quelle persone con disabilità che da anni aspettano un collocamento al lavoro mirato e per arrivare a processi di inclusione tramite servizi personalizzati, che garantiscano una vita di qualità, all’insegna delle pari opportunità, dell’autonomia e della vita indipendente.

*Presidente della FISH Basilicata (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap).

Stampa questo articolo