Verifichiamo «sul campo» se Spoleto è accessibile

Gli alberghi e i ristoranti senza barriere, i monumenti e i luoghi storici accessibili, i percorsi naturalistici praticabili dalle persone in carrozzina: cittadini, enti, istituzioni e imprese, tutti possono collaborare con un nuovo portale riguardante Spoleto, una delle “perle” dell’Umbria, sapendo poi che i promotori dell’iniziativa – operatori e persone con disabilità – verificheranno direttamente le varie segnalazioni, armati di videocamera e taccuini

Il Ponte delle Due Torri di SpoletoQuali sono gli alberghi e i ristoranti senza barriere architettoniche, quanti monumenti e luoghi storici sono accessibili, quali percorsi naturalistici sono praticabili dalle persone in carrozzina?
Dai giorni scorsi chi vuole visitare la città di Spoleto, una delle “perle” dell’Umbria, senza avere brutte sorprese, può consultare un portale turistico (www.pureIO.info) che oltre a presentare le bellezze del territorio, fornisce tutte le informazioni necessarie ai turisti con disabilità sui luoghi accessibili e sulla presenza o meno di barriere nelle strutture ricettive.
L’iniziativa è stata realizzata dall’Associazione Opera Segno dell’Alta Marroggia, in collaborazione con gli ospiti della Casa Famiglia Sant’Antonio di Baiano che, oltre ad organizzare i contenuti del portale, verificano di persona – con l’aiuto di un operatore – l’accessibilità delle strutture segnalate. La prova viene poi filmata e messa online.

La Casa Famiglia Sant’Antonio, realizzata grazie alla ristrutturazione di un grande casale a Baiano di Spoleto, organizza dal 1996 attività socio-educative e relazionali per persone con disabilità motoria. Dal 2002 è stato avviato poi anche il servizio residenziale diurno che ospita circa una decina di persone con disabilità.
E sono proprio alcune di loro ad accompagnare gli operatori nelle verifiche “sul campo”. Sul portale, che è ad aggiornamento continuo, si possono già trovare i filmati sulle passeggiate in carrozzina al Giro della Rocca o sul Ponte delle Due Torri o, ancora, la sperimentazione di un percorso accessibile su Piazza Garibaldi, che permette anche alle persone con disabilità di vivere senza difficoltà di movimento una delle zone più interessanti della città, luogo storico di aggregazione e di vari eventi culturali.
La guida turistica online è aperta al contributo di tutti: cittadini, enti, istituzioni, imprese possono essere presenti sul sito, informando sulle proprie caratteristiche di accessibilità. Va da sé che le tutte le informazioni saranno sempre verificate sul posto dagli operatori e dalle persone con disabilità, “armati” di videocamera e taccuino.

*Testo pubblicato da «Redattore Sociale» con il titolo Turismo accessibile a Spoleto: on line i filmati, e qui ripreso, con lievi adattamenti, per gentile concessione.

Stampa questo articolo