Un progetto per le donne con la sclerosi multipla

Lo ha avviato già dal 2007 l’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), iniziativa calibrata sui risvolti e le sfaccettature tipicamente femminili connessi a questa malattia, che colpisce le donne in un rapporto di 2 a 1 rispetto agli uomini. Tra le altre iniziative, vi sono anche dei seminari sul territorio, per promuovere la diffusione di informazioni corrette e aggiornate, ma anche per favorire il confronto e il dibattito. I prossimi incontri sono previsti a Parma, il 19 settembre e a Bari il 24 ottobre

La locandina ufficiale del «Progetto Donne» avviato dall'AISMMalattia prevalentemente al femminile (colpisce le donne in un rapporto di 2 a 1 rispetto agli uomini), la sclerosi multipla invade ogni ambito della vita: dal lavoro alla famiglia, dalla sfera intima ai progetti personali. Per una donna, dunque, lo sforzo di portare avanti tutto può essere assai impegnativo.
Nel 2007 l’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) ha pensato a Progetto Donne, iniziativa calibrata sui risvolti e sulle sfaccettature tipicamente femminili, prestando attenzione alle specificità dell’essere donna. L’obiettivo è quello di offrire strumenti precisi per le donne con sclerosi multipla, attivando con loro un canale diretto per capirne e monitorarne le esigenze. Progetto Donne lavora tra l’altro alla creazione di un archivio di video on line su tematiche scelte direttamente dalle donne con sclerosi multipla e la pubblicazione di libri specifici su argomenti al femminile, oltre alla realizzazione di seminari sul territorio, per promuovere la diffusione di informazioni corrette e aggiornate e per favorire il confronto e il dibattito.
Un utile incoraggiamento, quindi, a condividere le esperienze e a raccontare le proprie storie personali, per aiutare a comprendere cosa significa convivere con questa malattia.

I prossimi seminari sono previsti a Parma, il 19 settembre e a Bari il 24 ottobre. Tali incontri, realizzati grazie al contributo di Cariparma – partner ormai “storico” al fianco dell’AISM, per aiutare le persone con sclerosi multipla, formare nuovi servizi e contribuire alla ricerca scientifica – rappresenteranno, come detto, un momento di informazione, ma anche di confronto, su tematiche relative alla sclerosi multipla, di particolare rilevanza per le donne.
Rivolti solo ad un pubblico femminile, i seminari si avvarranno del contributo di esperti e specialisti, che prenderanno spunto dalla vita quotidiana e dalle esigenze delle donne con sclerosi multipla. In particolare, si parlerà delle Procedure per il riconoscimento dell’invalidità civile e stato di handicap, argomento affrontato da Antonella Borgese, assistente sociale dell’AISM; di come Affrontare e riconoscere gli aspetti emotivi con Mariangela Lopez, psicologa del Dipartimento di Scienze Neurologiche e Psichiatriche dell’Università di Bari; di Fatica e sclerosi multipla, con Alessandra Solari, neurologa  dell’Istituto Nazionale Neurologico Besta di Milano; di Sessualità e sclerosi multipla, tema affrontato da Graziella Solidoro, coordinatrice dell’Ambulatorio Infermieristico per la Sclerosi Multipla presso il Reparto di Neurologia Ospedale di Gorizia.

Da segnalare in conclusione che entro la fine dell’anno saranno disponibili i “mini-seminari” on line (nella sezione del sito AISM cui si accede cliccando qui), che riporteranno i principali spunti delle tematiche trattate durante gli incontri. (S.B.)

Per ulteriori informazioni: tel. 010 2713299, silvia.traversa@aism.it.
Stampa questo articolo