- Superando.it - http://www.superando.it -

Con buona pace dell’inclusione sociale

Il presidente della FISH Pietro BarbieriGli interventi di sostegno alle famiglie e alle persone non autosufficienti possono essere sviluppati e mantenuti solo se vi sono finanziamenti certi e costanti. In tal senso bisogna ricordare come, negli anni scorsi, siano stati approvati e finanziati – pur in modo ancora limitatodue Fondi: quello per le Politiche Sociali e quello per la Non autosufficienza. «Le ultime linee assunte dal Governo e approvate dal Parlamento – dichiara con appresnione Pietro Barbieri, presidente della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) – minano la già vacillante solidità di questi due Fondi e condizionano le politiche future a favore dell’inclusione sociale e dei servizi ai più deboli».

In effetti, la consistenza del Fondo per le Politiche Sociali sembra bruscamente ridotta del 70% in forza del più recente Documento di Programmazione Economica e Finanziaria licenziato dal Governo. Più “subdolamente”, invece, il Fondo per la Non Autosufficienza è stato messo in forse dallo stesso “Pacchetto anticrisi” si veda a tal proposito l’articolo 14 della Legge 102/09 – che consente al Ministero dell’Economia di ridurre alcuni stanziamenti, fra cui appunto quelli relativi al Fondo, nel caso lo Stato non riesca ad ottenere il gettito previsto dalla tassazione sulle plusvalenze «su oro non industriale di società ed enti».

La preoccupazione della FISH, inoltre, è ulteriormente aggravata da altri recenti provvedimenti. Uno fra tutti, il comma 7 dell’articolo 17 della già citata Legge 102/99, ove un ulteriore colpo all’inclusione sociale delle persone con disabilità è rappresentato dal blocco delle assunzioni nella Pubblica Amministrazione esteso anche alle persone con disabilità.
«Tra riduzione dell’assistenza e blocco delle assunzioni – commenta Barbieri – le persone con disabilità e le loro famiglie si trovano nella condizione di dover affrontare la sussistenza minima con buona pace degli aneliti di inclusione sociale. Si annuncia dunque una Conferenza Nazionale assai difficile».
Il riferimento è naturalmente alla Conferenza Nazionale sulle Politiche della Disabilità, che si terrà a Torino il 2 e 3 ottobre prossimi e che è promossa dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali. (G.G.)

Per ulteriori informazioni: ufficiostampa@fishonlus.