- Superando.it - http://www.superando.it -

Le parole, i fatti e i silenzi

Particolare di persona in carrozzina fotografata di spalleSiamo reduci dalla Terza Conferenza Nazionale sulle Politiche per la Disabilità di Torino (2-3 ottobre). Alla kermesse hanno partecipato, con grande schieramento, molti rappresentanti associativi e operatori pubblici e del privato sociale. Decisamente sottodimensionata la presenza governativa. Oltre infatti alla costante presenza del sottosegretario Eugenia Roccella, il ministro Maurizio Sacconi si è limitato all’invio di un “contributo filmato”, sottolineato dai fischi della platea. Altri parlamentari, di maggioranza o di opposizione, non se ne sono visti.
La Conferenza è stata sapientemente direzionata verso la celebrazione della nuova Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, ratificata in Italia dalla Legge 18/09. In tal senso, nei gruppi di lavoro e nell’assemblea plenaria sono stati evidenziati con la giusta enfasi i diritti che la Convenzione introduce (o ribadisce) e la “rivoluzione” che le nuove disposizioni comporteranno nell’elaborazione normativa e delle politiche a favore delle persone con disabilità.
E a dimostrazione dell’interesse del Governo per questo nuovo caposaldo normativo, si è orgogliosamente annunciato l’imminente insediamento dell’Osservatorio Nazionale sulla Condizione delle Persone con Disabilità, previsto espressamente dal terzo articolo della Legge 18/09, al fine di «promuovere la piena integrazione delle persone con disabilità in attuazione dei princìpi sanciti dalla Convenzione […], nonché dei princìpi indicati nella Legge 5 febbraio 1992, n. 104».
Diritti umani, diritti civili, diritti all’inclusione nella scuola, nel lavoro, nella società non saranno più un miraggio, ma una concretezza esigibile per un paio di milioni di cittadini italiani con disabilità e per le loro apprensive famiglie. O almeno questo è stato il tranquillizzante messaggio che è passato…

Una “scomparsa per dissolvenza”
Ma mentre le parole di speranza, di incoraggiamento, di celebrazione e di raccomandazione hanno tenuto la scena, quelle di critica e di realismo sono passate in sordina. Le politiche attive per le persone con disabilità necessitano anche di una copertura economica – oltre che di un rinnovamento culturale – per traghettare il welfare da logiche pietistico-assistenziali e “risarcitorie” a strategie che rendano esigibili i diritti soggettivi.
Il rinnovamento culturale – si sa – ha i suoi tempi. La copertura economica no: serve subito. Le persone hanno necessità ora e qui di servizi, assistenza, garanzie. Appare quindi stridente il contrasto fra la celebrazione governativa (e non) di rinvigoriti diritti e la deriva dell’impegno economico a favore delle persone con disabilità, dei non autosufficienti e delle loro famiglie.
Le prove evidenti  di questo disimpegno – a volerle vedere – sono nero su bianco nelle Gazzette Ufficiali e nelle stesse fonti governative. Prove che, con abilità prestidigitatoria, vengono nascoste a un grande pubblico purtroppo sempre più distratto da escort e veline. La storia del Fondo Nazionale per le Politiche Sociali e di quello per la Non Autosufficienza è un macroscopico esempio di “scomparsa per dissolvenza”.

Il Fondo Nazionale per le Politiche Sociali
Il Fondo Nazionale per le Politiche Sociali (FNPS), istituito inizialmente dalla Legge 449/97 e ridefinito dall’articolo 20 della Legge 328/00, dovrebbe essere la fonte nazionale di finanziamento specifico degli interventi di assistenza alle persone e alle famiglie, così come previsto dalla Legge Quadro di riforma dell’assistenza (la Legge 328/00, appunto). Il Fondo, nelle intenzioni, va a finanziare un sistema articolato di Piani Sociali Regionali e Piani Sociali di Zona che descrivono, per ciascun territorio, una rete integrata di servizi alla persona rivolti all’inclusione dei soggetti in difficoltà o comunque all’innalzamento del livello di qualità della vita. Questo significa che gran parte del Fondo dovrebbe essere destinato alle Regioni che a loro volta lo direzionano agli Enti Locali o agli stessi Comuni per attività reali di sostegno alle persone. Fra il 2000 e il 2006 gli stanziamenti sono rimasti sostanzialmente stabilizzati attorno ai 1.600 milioni di euro.
In realtà, una buona metà del fondo se ne va all’INPS «per il finanziamento degli interventi costituenti diritti soggettivi» e cioè per permessi lavorativi (articolo 33 della Legge 104/92), per assegni di maternità, assegni al nucleo familiare, indennità a favore dei lavoratori affetti da talassemia major ecc. Solo la metà viene trasferita alle Regioni e ai Comuni per interventi diretti in ambito sociale (non solo destinati alle persone con disabilità).
Il ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Maurizio SacconiNel 2008 lo stanziamento scende, per la prima volta, sotto i 1.500 milioni di euro (fonte: Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali). Ma la vera sorpresa è per il 2009, 2010 e 2011: il Fondo ha una decisa retrazione (fonte: Legge 203/08, Gazzetta Ufficiale, Supplemento ordinario 285/L, pagina 54). Nel 2009 sono stanziati 1.355 milioni, che diventano 1.070 per il 2010 e solo 960 nel 2011. Nel 2010 ci saranno quindi, rispetto al 2007, circa 700 milioni di meno. Tenuto conto che circa 750 milioni andranno all’INPS per le spese di cui abbiamo parlato, è evidente quanto rimane per le politiche attive previste dal Fondo e destinate agli Enti Locali e alle Regioni. Questi sono dati certi che trovano testimonianza in documenti ufficiali. Ma non è finita!
Il Fondo Nazionale per le Politiche Sociali è una di quelle voci di spesa contemplate nel Bilancio dello Stato la cui quantificazione è demandata annualmente alla Legge Finanziaria. Si tratta di voci riassunte nella Tabella C delle disposizioni per la formazione annuale e pluriennale dello Stato. Recentemente il ministro Tremonti ha più volte affermato che alcune discusse operazioni di “drenaggio fiscale” (“scudo fiscale” e tassazione dei depositi aurei delle aziende) forniranno risorse in più per le famiglie e per le imprese. In realtà non è così, o almeno non è questo che le norme approvate dal Parlamento prevedono. L’articolo 14 della Legge 102/09 consente infatti al Ministero dell’Economia di ridurre alcuni stanziamenti della Tabella C (fra cui quelli relativi al Fondo), nel caso lo Stato non riesca ad ottenere il gettito previsto dalla tassazione sulle plusvalenze su oro non industriale di società ed enti. Quindi la realtà è che se il “drenaggio fiscale” non dovesse funzionare come auspicato, le risorse per il sostegno alle imprese e soprattutto alle famiglie diminuiranno ulteriormente. Il che è significativamente diverso da quanto affermato dal ministro dell’Economia.

Il Fondo per le Non Autosufficienze
Il Fondo Nazionale per le Politiche Sociali, come già detto, non si occupa solamente delle persone con disabilità. In alcuni casi, infatti, le risorse sono state considerate senza vincolo di destinazione (ad esempio si è usato il Fondo per fronteggiare l’emergenza – o almeno così era stata considerata – della cosiddetta “mucca pazza”). Nel 2006, quindi, si pensa di fronteggiare l’emergenza – stavolta vera e concreta – delle persone non autosufficienti, vale a dire quella dei cittadini disabili con maggiore, e spesso drammatico, carico assistenziale. Si istituisce perciò uno specifico Fondo per le Non Autosufficienze (articolo 1, comma 1264, della Legge 296/06), subito contestato per l’incongruità della copertura finanziaria rispetto alle esigenze che dovrebbe affrontare.
Il sottosegretario al Lavoro, alla Salute e alle Politiche Sociali Eugenia RoccellaAl Fondo viene assegnata la somma di 100 milioni di euro per l’anno 2007 e di 200 milioni di euro per ciascuno degli anni 2008 e 2009. L’articolo 2, comma 465 della Legge 244/07 ha incrementato il Fondo di 100 milioni di euro per l’anno 2008 e di 200 milioni per l’anno 2009. Pertanto: 100 milioni per il 2007, 300 milioni per il 2008, 400 milioni per il 2009.
Altra amara sorpresa: per il 2010 e gli anni a venire la voce Fondo per le Non Autosufficienze non compare più nei bilanci di previsione. Non se ne trova traccia nella Finanziaria del 2010 appena approvata. In sostanza, il Fondo per le Non Autosufficienze non esiste più.
Quando dunque si tratta di ratificare la Convenzione, l’attenzione è massima e lo è pure se si devono costituire tavoli e osservatori. Essa difetta però, se quei diritti bisogna pure sostenerli concretamente con la carta filigranata.

Scuse infondate
Di fronte a questa innegabile e ingiustificabile retrazione della spesa, le “scuse” rimangono accettabili fintanto che qualcuno non ne fa notare l’insostenibilità.
– Il Fondo per le Non Autosufficienze era stato previsto dalla legge solo per tre anni: falso! La norma istitutiva non indica nessuna sperimentalità del Fondo e nessun limite temporale. Come di prassi per qualsiasi altro Fondo, provvede allo stanziamento nei primi tre anni, rimandando alla volontà politica successiva gli ulteriori stanziamenti. No: la cessazione di questo Fondo è una scelta politica, non dettata da vincoli normativi, su cui, per altro, il Parlamento ha potere di modifica.

– Il Governo ha previsto altre forme di sostegno alla non autosufficienza: fuorviante! In realtà esiste un Fondo strategico per il Paese a sostegno dell’economia reale, istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri con il Decreto Legge n. 185 del 29 novembre 2008 (articolo 18, comma 1, lettera b-bis), convertito, con modificazioni, dalla Legge 2/09. L’articolo 22-ter della Legge 102/99 prevede poi che quel Fondo sia incrementato di 120 milioni di euro nell’anno 2010 e di 242 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2011, per interventi dedicati a politiche sociali e familiari, con particolare attenzione alla non autosufficienza. Quali siano però i criteri e le modalità, quanto vada alla non autosufficienza e quanto al resto, lo stabilirà non il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, ma la Presidenza del Consiglio dei Ministri.
E in ogni caso c’è una bella differenza tra i già insufficienti 400 milioni destinati alla non autosufficienza e una “parte incognita” di 120 milioni accantonati in un Fondo che nulla ha a che vedere con i problemi reali e drammatici delle famiglie in cui è presente una persona con disabilità grave.

Il Ministro dell'Economia e delle Finanze Giulio Tremonti– Non bisogna guardare a questi tagli, che hanno un’importanza relativa, ma al modo in cui viene gestito il Fondo Sanitario Nazionale, laddove occorre razionalizzare e recuperare in efficienza, con eccellenze qualificate negli ospedali per il trattamento delle fasi acute e presa in carico della persona a livello territoriali con servizi decentrati: discutibile. Molto. Si torna alla sanitarizzazione di un bisogno che non ha prevalenza sanitaria, con i rischi che le varie necessità della persona non vengano affatto affrontate nel loro contesto, ma in realtà ospedalizzate. Ancora una volta si “crede” a un Servizio Sanitario Nazionale, ma non a un Servizio Sociale Nazionale.
Ed è vieppiù un’affermazione ben dura da sostenere nel momento attuale: i commissariamenti e i piani di rientro delle Regioni tagliano orizzontalmente e senza alcuna valutazione di merito l’assistenza socio-sanitaria alle persone con disabilità, specie a quelle più gravi (dal 10 al 30%).

Le risorse
Alla fine la risposta più sconsolata è: «mancano le risorse». Viene cioè evocata quella stessa crisi di cui non si può più parlare, pena essere tacciati di “disfattismo” o di “anti-italianità”.
In un momento difficile per il Paese, ad essere in maggiore difficoltà sono le famiglie che sono sempre più impoverite (fonte: La povertà in Italia nel 2008, Istat, 2009), anche dalle spese assistenziali di cui devono farsi carico. Non ci si indebita solo per comprarsi la TV al plasma o per andare in vacanza in Paesi esotici o per impossessarsi dell’ultimo modello di auto (pur eco-rottamo-incentivata). Sono molte, moltissime, le famiglie che si indebitano o rinunciano a tutto, per pagare l’assistenza ai propri familiari, per compartecipare alla spesa, per pagare e regolarizzare le badanti e tanto altro.
La vecchia scusa delle risorse è dunque insostenibile, soprattutto da parte di chi evoca le salvifiche proprietà della “finanza creativa”. Ma come? L’INPS ha testé dichiarato che grazie al contrasto dei “falsi invalidi” si recupereranno, a regime, 100 milioni di euro all’anno. Vogliamo restituirli, per contrappasso, ai veri invalidi?
Oppure l’azione, condivisibile nei fini, promossa dal ministro Brunetta contro le elusioni in materia di permessi lavorativi, produrrà un risparmio per l’Erario. Vogliamo restituirlo a chi ne ha davvero bisogno?
E che dire dell’otto per mille? Se il Governo decidesse di destinare la propria parte alla non autosufficienza (pubblicizzando questa decisione), troverebbe molte più firme di contribuenti nel quadratino riservato allo Stato. Ne saremmo tutti, a parte la Chiesa Cattolica, ben lieti.
Ma al di là di queste soluzioni tampone, un’emergenza come quella del carico assistenziale (al 90% sulle famiglie) della non autosufficienza merita di essere trattata come tale ed essere concretamente affrontata. Con le chiacchiere non si arriva da nessuna parte, ma con il silenzio ci si ferma ancora prima.

*Direttore editoriale di Superando e direttore responsabile di HandyLex.org e «HandyLexPress».

Per chi vuole approfondire

– Sul Fondo Nazionale per le Politiche Sociali:
Legge 328/00, articolo 20
Legge
203/08 (Gazzetta Ufficiale, Supplemento Ordinario 285/L, pagina 54)
– Sul Fondo per la Non Autosufficienza:
Legge 296/06, articolo 1, comma 1264
Legge
244/07, articolo 2, comma 465
Legge
102/99, articoli 14 e 22-ter
– Sulla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità:
Il testo integrale in italiano della Convenzione stessa (disponibile cliccando qui)
Legge di Ratifica
18/09