- Superando.it - http://www.superando.it -

Io il mio diritto alla salute lo vedo così

Primo piano di viso di bimbo malato, con cannule nel nasoÈ prevista per sabato 14 novembre a Costa Masnaga (Lecco) la premiazione del concorso per le scuole denominato Io il mio diritto alla salute lo vedo così, indetto dal network “Gli ospedali di Andrea” dell’AGE (Associazione Italiana Genitori), rete di strutture per l’assistenza sanitaria in area pediatrica, al cui appello hanno risposto con creatività ed entusiasmo numerosi bambini delle scuole materne, elementari, medie e superiori, preparando disegni, giochi, video e presentazioni multimediali.
Sono stati molti, infatti, gli elaborati arrivati da località sia del territorio vicino (Bosisio Parini, Cassago, Alzate Brianza), sia da più lontano (Torino, Pescara, Correggio), tutti riguardanti gli aspetti della salute che stanno particolarmente a cuore ai bambini: dalla “valigia della salute” con cui si supera la paura del dolore alla “canzone dei pidocchi” che aiuta a prevenire il problema, mentre “l’ambulanza con le ali” supera il traffico cittadino. In particolare nei vari elaborati è emersa una grande voglia di un ambiente pulito e di cibi sani, primo passo indispensabile per garantire il diritto alla salute.
E chi meglio di Marco Ardemagni di Caterpillar, programma di culto di Radio 2 Rai, noto anche per le sue campagne ambientaliste, poteva presentare la premiazione?

La festa – che si terrà presso la palestra delle scuole elementari di Costa Masnaga (ore 9) – sarà animata anche dai clown del Dottor Sorriso – ONLUS della Fondazione Garavaglia di Milano per la qualità della degenza dei bambini in ospedale – da uno spettacolo con il SoundBeam, strumento basato sulla tecnologia a ultrasuoni, che permette di controllare apparecchi musicali e multimediali attraverso il movimento nello spazio (l’IRCCS “E. Medea” di Bosisio Parini vi sta basando un progetto per i bambini con disabilità) e dalla musica dei Sulutumana, una band di Como che ha appena composto un brano contro l’influenza e che porta in giro per le piazze spettacoli per i bambini.
Ideatori e organizzatori del concorso sono stati i “Giornalisti per caso”*, vale a dire proprio i bambini ricoverati all’Istituto Scientifico “E. Medea”, che hanno costituito la prima redazione ospedaliera.

Il Premio Io il mio diritto alla salute lo vedo così costituisce la tappa finale del convegno denominato La differenza che vale, una tre giorni sulla qualità della cura negli ospedali pediatrici promossa dall’IRCCS “E. Medea”-La Nostra Famiglia di Bosisio Parini (Lecco), dall’Ospedale dei Bambini di Brescia e dall’Azienda Ospedaliera Regina Margherita – Sant’Anna di Torino.
L’iniziativa, sostenuta dal Comune di Costa Masnaga, ha ottenuto anche il patrocinio della Regione Lombardia, delle Province di Lecco e di Como e degli Uffici Scolastici Provinciali di entrambe queste città. (Ufficio Stampa La Nostra Famiglia)

*I “Giornalisti per caso” sono bambini e ragazzi dai 6 ai 28 anni con esiti di tumori cerebrali, traumi cranici o lesioni post-anossiche, ricoverati presso l’IRCCS “E. Medea”-La Nostra Famiglia di Bosisio Parini. Sono bambini che spesso hanno avuto un prolungato periodo di coma e presentano lesioni plurime. Con l’aiuto delle educatrici e sotto la supervisione dell’équipe di psicologia, mettono in gioco le proprie capacità e risorse, apportando un contributo originale e insostituibile alla creazione di un giornalino.

Per ulteriori informazioni: Ufficio Stampa Associazione La Nostra Famiglia-IRCCS “E. Medea”, tel. 031 877384, ufficio.stampa@bp.lnf.it.