Anche la scherma in carrozzina rieduca attraverso il gesto sportivo

E in tal senso, dal gennaio del 2010, tale disciplina andrà ad aggiungersi alle altre (nuoto, basket, tiro con l’arco, tiro a segno, tennis, tennis tavolo, golf e handbike) che già compongono il programma di “Rieducazione attraverso il Gesto Sportivo”, avviato all’Unità Spinale dell’Ospedale di Montecatone (Imola), presso il quale, il 4 dicembre, si avrà una giornata fatta di momenti dimostrativi, riflessioni e testimonianze, organizzata in collaborazione con il CIP (Comitato Italiano Paralimpico) dell’Emilia Romagna

Lorenzo Major, campione italiano CIP di scherma in carrozzina, aprteciperà all'incontro di ImolaCoordinazione, prontezza, precisione dei movimenti. Sono queste le pricipali abilità che la scherma in carrozzina consente di sviluppare. Ed è proprio intorno a tale disciplina ad alto tasso di spettacolarità e contenuto tecnico che ruoterà l’iniziativa organizzata dal CIP Emilia Romagna (Comitato Italiano Paralmpico) e dall’Ospedale di Montecatone a Imola, con la collaborazione di Astra Tech, in programma per venerdì 4 dicembre presso lo stesso Ospedale di Montecatone (ore 14), evento culturale e sportivo che prevede momenti dimostrativi, riflessioni e   testimonianze di esperienze concrete, grazie alla partecipazione di rappresentanti del mondo schermistico, operatori sanitari e sportivi.

Struttura specializzata nella riabilitazione di pazienti con esiti di gravi lesioni spinali e cerebrali, il Centro di Montecatone ha attivato il programma di Rieducazione attraverso il Gesto Sportivo (RGS) che l’Unità Spinale del Centro stesso ha codificato all’interno del proprio percorso di cura, utilizzando le diverse discipline sportive (nuoto, basket, tiro con l’arco, tiro a segno, tennis, tennis tavolo, golf, handbike) come strumento di riabilitazione del paziente.
Tale programma è un vero e proprio fiore all’occhiello per l’Unità Spinale di Montecatone, che in questo modo ogni anno avvicina allo sport circa centocinquanta persone con disabilità.
Dal mese di marzo di quest’anno, poi, anche il Comitato Italiano Paralimpico ha voluto dare il proprio contributo a queste attività, firmando una convenzione con l’Ospedale di Montecatone che ha portato alla realizzazione nel Centro di uno Sportello Informativo CIP (montecatone@comitatoparalimpico.it), con lo scopo di dare continuità alla pratica sportiva svolta dal paziente durante la degenza, creando un collegamento con il territorio di provenienza al momento delle dimissioni dall’ospedale.

L’evento del 4 dicembre rientra dunque nell’ambito delle iniziative nate all’interno dalla collaborazione tra Montecatone e CIP, che prevede la realizzazione di incontri con atleti di alto livello che possono costituire un esempio sportivo e un contatto reale con il mondo sportivo presente sul territorio.
L’iniziativa rappresenta inoltre l’occasione di presentare ai pazienti nuove discipline sportive che all’interno dell’ospedale non è ancora stato possibile provare e conoscere: la scherma in carrozzina verrà infatti introdotta nel programma di Rieducazione attraverso il Gesto Sportivo (RGS) dell’Unità Spinale di Montecatone a partire dal prossimo mese di gennaio.

Nel dettaglio del programma, la prima parte (ore 14-16) sarà riservata ai fisioterapisti della terapia occupazionale e ad alcuni pazienti scelti e si svolgerà nelle palestre del Centro, durante le attività sportivo-riabilitative dei pazienti stessi. Alcuni di questi  avranno così modo di poter sperimentare direttamente la scherma in carrozzina.
Successivamente (ore 16), ci si rivolgerà a tutti i pazienti, che avranno modo di incontrare e dialogare con Lorenzo Major (Canoa Club Ferrara) e Federica Matulli (Zinella Scherma San Lazzaro di Savena), atleti che si sono aggiudicati la vittoria ai Campionati italiani CIP di scherma in carrozzina disputatisi nel maggio scorso a Pozzuoli (Napoli). (Ufficio Stampa CIP Emilia Romagna)

Per ulteriori informazioni: Ufficio Stampa CIP Emilia Romagna (Comitato Italiano Paralimpico), ciper.comunica@gmail.com.
Stampa questo articolo