- Superando.it - http://www.superando.it -

Continua la battaglia contro quei ticket nel Lazio

Mario Dany De Luca, persona con disabilità, candidato alle prossime Elezioni Regionali, ha lanciato la petizione contro i ticket sulla riabilitazione«I decreti 95/09 – 96/09 e 9/10, emanati dal Commissario di Governo, riportati sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio n. 4 del 28.02.2010, rappresentano una insostenibile lesione dei diritti per i cittadini disabili e anziani della nostra Regione». A dirlo è Mario Dany De Luca, responsabile nazionale per la Disabilità dell’Italia dei Valori, nel lanciare una petizione riguardante i recenti provvedimenti voluti dal Commissario per l’Emergenza Sanità nel Lazio Elio Guzzanti, che dopo il via libera del Governo, imporranno dal 1° aprile una serie di ticket sui trattamenti riabilitativi delle persone con disabilità, sia minori che adulti. Provvedimenti che – come avevamo ampiamente riferito nei giorni scorsi (se ne legga cliccando qui) – avevano suscitato le dure reazioni di alcune associazioni che operano in difesa dei cittadini le quali avevano preannunciato un ricorso al TAR. Critiche erano arrivate anche da parte del mondo politico regionale, sia dalla maggioranza che dall’opposizione.

«La previsione di introdurre un ticket chiamato compartecipazione, sulla riabilitazione, sulla farmaceutica e sulle prestazioni di pronto soccorso (â?¬ 35,64 o â?¬ 29,44 a seconda del tipo di attività riabilitativa) – scrive ancora De Luca, persona con disabilità, candidato al Consiglio Regionale del Lazio in vista delle prossime Elezioni Amministrative – graverà sulle famiglie con i cittadini disabili e gli anziani pensionati e colpirà in modo devastante le famiglie che già si trovano ad affrontare situazioni fortemente critiche per le condizioni di disabilità psico-fisico-sensoriale.Si tratta di un evidente accanimento contro chi deve affrontare situazioni di difficoltà,che non può essere accettato». (S.B.)

Per visionare ed eventualmente aderire alla petizione lanciata da Mario Dany De Luca, cliccare qui.