- Superando.it - http://www.superando.it -

Quando l’approdo è accessibile, la patente nautica non è un problema

Golfo di Anzio e Nettuno: l'«Approdo Paulus», permanente e accessibile, «attende» l'esame di Orazio PizzorniL’Approdo Paulus, presso il Molo Innocenziano di Anzio (Roma) è una struttura permanente – voluta e gestita dall’Associazione Paulus Antiche Arti e Mestieri – fruibile anche alle persone con disabilità, la cui discesa accessibile è stata messa a disposizione, qualche settimana fa, della locale Capitaneria di Porto, per consentire il primo esame – nella cittadina laziale – di patente nautica di categoria C, che abilita la direzione nautica di natanti e imbarcazioni da diporto per persone con disabilità. A conseguirla è stato Orazio Pizzorni, personaggio già ben noto alle cronache paralimpiche, in quanto medaglia d’oro nel tiro con l’arco sia a Seoul nel 1988 che a Barcellona nel 1992.

Secondo il Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti n. 146 del 29 luglio 2008 (Regolamento di attuazione dell’articolo 65 del decreto legislativo 18 luglio 2005, n. 171, recante il codice della nautica da diporto), i patentati della Categoria C (articolo 27) hanno l’obbligo di essere accompagnati a bordo da un’altra persona di almeno 18 anni d’età, anche senza patente, ma idonea a svolgere le manovre per la conduzione del mezzo e a intervenire per recuperi in mare. La barca impiegata per l’esame dev’essere poi equipaggiata con un dispositivo elettronico che consenta l’individuazione della persona in caso di caduta in mare, la disattivazione del pilota automatico e l’arresto dei motori. Dall’entrata in vigore di tale Regolamento, va segnalato il rilascio, da parte della Capitaneria di Porto di Roma, di circa dieci patenti di categoria C.

Tornando alla prova di Anzio, come qualsiasi esame di patente nautica, la parte teorica ha avuto luogo nella sede della Capitaneria, quella pratica, invece, in mare nel Golfo. In particolare, l’imbarcazione pilotata da Pizzorni è stata adattata secondo le normative ed è stata fornita dalla scuola di vela dell’Associazione Alexsub di Nettuno. «A livello organizzativo – ha voluto sottolineare il tenente di vascello Matteo Gragnani, comandante della Capitaneria di Porto di Anzio – si è svolto tutto serenamente, si può dire come una normale attività d’ufficio. Il mare può essere affrontato da chiunque, basta una giusta preparazione, competenza e rispetto del mare stesso».
Grazie al pontile e alle imbarcazioni accessibili a tutti, Approdo Paulus promuove attività di mare e di terra in un’ottica di pari opportunità e di inclusione sociale. «Visto che l’Associazione Paulus Antiche Arti e Mestieri si occupa di abbattimento delle barriere architettoniche – ha aggiunto Gragnani – potrà essere interpellata anche in futuro per questa tipologia di esame».
Da notare che in precedenza, esattamente il 7 aprile, era stata rilasciata dalla Capitaneria di Porto di Roma un’altra patente di categoria C a Cesare Biasotti che da quando aveva sei anni andava in barca a vela. Durante l’esame pratico Biasotti ha dato gli ordini al timoniere, «anche se in realtà – ha affermato – piloto io quando vado in barca».

Non resta ora che attendere il prossimo mese di giugno, quando cioè l’Associazione Paulus Antiche Arti e Mestieri, insieme all’Istituto Marcantonio Colonna di Roma e ad altri Circoli e Associazioni Sportive del territorio, promuoverà le patenti C per persone con disabilità in tutta la Regione, mettendo a disposizione le proprie imbarcazioni. (Mauro Travasso)

Per ulteriori informazioni: Associazione Paulus Antiche Arti e Mestieri, sede nazionale: Via Calabria, 12, 00187 Roma; sede operativa: Via Don Minzoni, 13, 00048 Nettuno (Roma). Ufficio Stampa e Comunicazione, tel. 06 9804984 – 345 2577011, segreteriapaulus@yahoo.it.