Segnalazioni utili e diari di viaggio cercasi

A lanciare il messaggio è il Gruppo Genitori Tosti – composto da genitori di figli con disabilità – per raccogliere una serie di informazioni rivolte a chi “non si arrende” e pensa che andare in vacanza sia possibile anche con una carrozzina. Chi ha dunque già sperimentato parchi divertimenti, fattorie didattiche, strutture agrituristiche, spiagge o altre mete di svago non ha che da segnalarle ai Genitori Tosti. Un appello che naturalmente ben volentieri facciamo nostro e a cui diamo spazio

Realizzazione grafica riguardante le vacanze delle persone in carrozzinaTempo d’estate, tempo di viaggi, di vacanze e gite. L’estate è la stagione dell’allegria e della spensieratezza, delle sieste e del divertimento. Ogni occasione è buona per visitare il tal luogo, la tale attrazione (se hai bimbi piccoli, poi…), la mostra, l’agriturismo, il parco, la piscina e così via, quando non ci si trasferisce ad altra residenza per fare, magari un po’ di mare o di montagna.
Quando però sei genitore con figlio “carrozzato”, non si capisce perché tutto questo diventi improvvisamente complicato, se non impossibile, tanto da farti desistere da qualsiasi velleità turistica. E così te ne rimani tra le quattro rassicuranti e stracollaudate mura di casa.

Poiché la filosofia del Gruppo Genitori Tosti è quella della condivisione, vorremmo lanciare un’iniziativa – sperando che non ricada nel vuoto pneumatico – dedicata a tutti quelli che non si arrendono e pensano che andare in  vacanza sia possibile anche con la carrozzina: chi ha già sperimentato un parco divertimenti, una fattoria didattica, un agriturismo, una spiaggia o altra meta di svago, ci scriva dandoci le dritte del caso e mettendo a disposizione di chiunque legga preziose informazioni ad uso di genitori con bimbi disabili.
Dovrebbero esistere guide in cartaceo e siti che forniscano le informazioni su misura per le persone con disabilità, così come esistono tutti i servizi possibili e immaginabili per le persone normodotate: vi è mai capitato, ad esempio, di andare in un’agenzia di viaggi per programmare qualcosa, mettendo come requisito fondamentale l’accessibilità?

In attesa, quindi, che la società si adegui e che nascano servizi ad hoc, c’è solo il passaparola di piccole comunità pioneristiche. Ben vengano, pertanto, segnalazioni e diari di viaggio! Scrivete a mammatosta@gmail.com. Tutto verrà pubblicato sul blog dei Genitori Tosti (www.genitoritosti.blogspot.com).
 
*Gruppo Genitori Tosti.

Stampa questo articolo