Il diritto di studiare senza barriere

Azioni per l’accesso, nuove tecnologie e accessibilità, le norme e i provvedimenti adottati per l’accessibilità della conoscenza: di questo e altro si parlerà a Padova, il 2 ottobre, nel corso della tavola rotonda promossa dal Centro Efesto, all’interno del Forum Europeo per il Diritto allo Studio, in corso di svolgimento nella città veneta

Laureato con disabilità in un'università statunitenseAll’interno del Forum Europeo per il Diritto allo Studio di Padova – serie di eventi che si protrarranno fino al 3 ottobre – il Centro Efesto (Centro Europeo per l’Autonomia delle Persone Disabili) di Loreggia (Padova), in collaborazione con l’ESU (Ente Regionale per il Diritto allo Studio) della città veneta e con i Leo Club Italiani, ha organizzato per sabato 2 ottobre (Centro San Gaetano, Via Altinate, 71, Padova, ore 10) la tavola rotonda denominata Diritto allo studio senza barriere.

Con il coordinamento di Giuliano Beltrami, giornalista dell’«Adige» di Trento, interverranno all’incontro Walter Fornasa, segretario della CNUDD (Conferenza Nazionale Universitaria dei Delegati per la Disabilità), Mauro Imbrenda e Anna Fidanza, presidente nazionale e responsabile dell’Ufficio Studi dei Leo Club Italiani,
Lorenza Vettor, avvocato, Alessandro Turci, studente dell’Università di Siena, Ketty Cristoforetti, studentessa dell’Università di Trento e Davide Cervellin, Imprenditore.
Tra gli argomenti trattati – oltre ad alcune testimonianze di giovani dall’Europa – le Azioni per l’accesso. Una lettura critica e propositiva, Il Progetto per le Università dei Leo Club Italiani, la Normativa e l’impianto giuridico per l’accessibilità della conoscenza e Tecnologie e accessibilità. (S.B.)

Per ulteriori informazioni: Centro Efesto, tel. 049 9301555, segreteria@efesto.org o info@efesto.org.
Stampa questo articolo