- Superando.it - http://www.superando.it -

Anche la FISH lavora per la Settimana contro la violenza

In primo piano mano di donna a fermare una violenzaAnche la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) – insieme a varie altre organizzazioni (tra le quali le ACLI, l’Agedo, l’Arcigay, l’ENAR – European Network Against Racism, l’IREF – Istituto di Ricerche Educative e Formative, Telefono Azzurro e Telefono Rosa) – aderisce e collabora alla Settimana contro la violenza, progetto di informazione e sensibilizzazione presso le scuole di ogni ordine e grado, avviato l’11 ottobre e promosso nel 2009 da Mara Carfagna, ministro per le Pari Opportunità e da Mariastella Gelmini, ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, tramite un protocollo d’intesa voluto allo scopo di creare un momento di riflessione sui temi del rispetto delle differenze, dell’accoglienza e della legalità, coinvolgendo studenti, genitori e docenti e mettendo a sistema le buone pratiche che molte scuole già offrono.

«La Settimana contro la violenza – spiegano i funzionari dei Ministeri che l’hanno voluta –  intende promuovere il rispetto e la tolleranza, contro ogni forma di violenza, abuso, discriminazione, e con il contrasto a gesti e atti di violenza, fisica o psicologica. E, per la prima volta, anche temi sensibili come la lotta all’omofobia o alla discriminazione religiosa entrano nelle aule delle le scuole». In tal senso, sono già più di cento – dal Nord al Sud del nostro Paese – le scuole che hanno aderito all’iniziativa, molte delle quali situate in territori che sono stati teatro di episodi di discriminazione.
Da segnalare infine che per le “lezioni” della Settimana contro la violenza – presentata dai ministri Carfagna e Gelmini, nel corso di una conferenza stampa – i dirigenti scolastici potranno avvalersi della collaborazione di Carabinieri, Polizia Postale e Polizia di Stato, oltre che di esponenti delle citate organizzazioni che collaborano all’iniziativa, tra le quali, come detto, anche la FISH. (S.B.)

Per ulteriori informazioni: www.pariopportunita.gov.it.