- Superando.it - http://www.superando.it -

L’Unione Europea ha ratificato la Convenzione

Primo piano di ragazza sorridenteSi è chiuso con un’ottima notizia, il 2010, sul fronte della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità: il 23 dicembre, infatti, è arrivata l’attesa ratifica del Trattato da parte dell’Unione Europea, prima organizzazione intergovernativa a procedere a questo passaggio.
«Questo – ha dichiarato Shantha Rau Barriga, ricercatore impegnato in ambito di diritti umani e componente dell’Osservatorio sui Diritti Umani dell’ONU – è un chiaro messaggio sulla priorità che devono avere i diritti delle persone con disabilità in Europa e nel mondo intero, oltreché un ulteriore stimolo a tutti gli Stati componenti dell’Unione e ai futuri membri, per ratificare quanto prima il Trattato e per allineare le loro leggi ai princìpi da esso definiti».
Oltre a ratificare la Convenzione, l’Unione Europea sta anche lavorando per legare tale iniziativa alla Convenzione Europea sui Diritti Umani, presieduta da una separata organizzazione intergovernativa, vale a dire il Consiglio d’Europa.

L’attuale ratifica obbligherà in sostanza tutte le Istituzioni continentali – dalla Commissione al Parlamento, dal Consiglio alla Corte di Giustizia – a far valere i diritti delle persone con disabilità, anche se – va rilevato – ciò non corrisponde automaticamente a una ratifica da parte dei singoli Stati Membri, che devono invece procedere ognuno per proprio conto.
In tal senso – come si può vedere anche dall’elenco che qui pubblichiamo in calce – ricordiamo che sono undici (su ventisette) i Paesi a non avere ancora ratificato la Convenzione (Bulgaria, Cipro, Estonia, Finlandia, Grecia, Irlanda, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia e Romania), mentre tra quelli che intendono in futuro far parte dell’Unione, hanno già proceduto Bosnia-Erzegovina, Croazia, Montenegro, Serbia e Turchia. Non hanno invece ancora ratificato l’Albania, l’Islanda, il Kosovo e la Repubblica di Macedonia.
«Ratificare la Convenzione – dichiara ancora Barriga – è l’unico passo per poter realmente tutelare i diritti delle persone con disabilità, le quali continuano a trovare ancora sin troppi ostacoli negli stessi Paesi che hanno già ratificato il Trattato». «Ora – conclude – l’Unione Europea dovrà fare sempre più pressione perché tutti gli Stati Membri arrivino alla ratifica e soprattutto applichino i princìpi della Convenzione, con legislazioni più stringenti, politiche migliori e programmi più inclusivi». Marcia proprio in questa direzione, del resto, il Codice di Condotta definito anch’esso nelle scorse settimane, che regolerà l’interazione degli Stati Membri con la Commissione Europea, sempre in ambito di Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità. (S.B.)
 

La Convenzione sulla Disabilità nel mondo: chi ha ratificato

Ad oggi, 6 dicembre 2010, sono esattamente 96 i Paesi che appaiono nell’elenco ufficiale prodotto dall’ONU, come ratificatori della Convenzione, più naturalmente l’Unione Europea. Si tratta esattamente di (l’ordine è cronologico ed è quello che risulta dalla data pubblicata nel portale dell’ONU):
– Giamaica (30 marzo 2007) – Ungheria (20 luglio 2007) – Panama (7 agosto 2007) – Croazia (15 agosto 2007) – Cuba (6 settembre 2007) – Gabon (1° ottobre 2007) – India (1° ottobre 2007) – Bangladesh (30 novembre 2007) – Sudafrica (30 novembre 2007) – Spagna (3 dicembre 2007) – Namibia (4 dicembre 2007) – Nicaragua (7 dicembre 2007) – El Salvador (14 dicembre 2007) – Messico (17 dicembre 2007) – Perù (30 gennaio 2008) – Guinea (8 febbraio 2008) – San Marino (22 febbraio 2008) – Giordania (31 marzo 2008) – Tunisia (2 aprile 2008) – Ecuador (3 aprile 2008) – Mali (7 aprile 2008) – Egitto (14 aprile 2008) – Honduras (14 aprile 2008) – Filippine (15 aprile 2008) – Slovenia (24 aprile 2008) – Qatar (13 maggio 2008) – Kenya (19 maggio 2008) – Arabia Saudita (24 giugno 2008) – Niger (24 giugno 2008) – Australia (17 luglio 2008) – Thailandia (29 luglio 2008) – Cile (29 luglio 2008) – Brasile (1° agosto 2008) – Cina (1° agosto 2008) – Argentina (2 settembre 2008) – Paraguay (3 settembre 2008) – Turkmenistan (4 settembre 2008) – Nuova Zelanda (25 settembre 2008) – Uganda (25 settembre 2008) – Austria (26 settembre 2008) – Costarica (1° ottobre 2008) – Vanuatu (23 ottobre 2008) – Lesotho (2 dicembre 2008) – Corea del Sud (11 dicembre 2008) – Ruanda (15 dicembre 2008) – Svezia (15 dicembre 2008) – Oman (6 gennaio 2009) – Azerbaijan (28 gennaio 2009) – Uruguay (11 febbraio 2009) – Germania (24 febbraio 2009) – Yemen (26 marzo 2009) – Guatemala (7 aprile 2009) – Marocco (8 aprile 2009) – Sudan (24 aprile 2009) – Isole Cook (8 maggio 2009) – Mongolia (13 maggio 2009) – Italia (15 maggio 2009) – Gran Bretagna (8 giugno 2009) – Belgio (2 luglio 2009) – Siria (10 luglio 2009) – Haiti (23 luglio 2009) – Burkina Faso (23 luglio 2009) – Danimarca (24 luglio 2009) – Serbia (31 luglio 2009) – Repubblica Dominicana (18 agosto 2009) – Malawi (27 agosto 2009) – Portogallo (23 settembre 2009) – Laos (25 settembre 2009) – Repubblica Ceca (28 settembre 2009) – Turchia (28 settembre 2009) – Seychelles (2 ottobre 2009) – Iran (23 ottobre 2009) – Montenegro (2 novembre 2009) – Tanzania (10 novembre 2009) – Bolivia (16 novembre 2009) – Algeria (4 dicembre 2009) – Mauritius (8 gennaio 2010) – Zambia (1° febbraio 2010) – Ucraina (4 febbraio 2010) – Francia (18 febbraio 2010) – Lettonia (1° marzo 2010) – Canada (11 marzo 2010) – Bosnia-Erzegovina (12 marzo 2010) – Emirati Arabi Uniti (19 marzo 2010) – Maldive (5 aprile 2010) – Nepal (7 maggio 2010) – Slovacchia (26 maggio 2010) – Etiopia (7 luglio 2010) – Malaysia (19 luglio 2010) – Lituania (18 agosto 2010) –  Senegal (7 settembre 2010) – Moldavia (21 settembre 2010) – Armenia (22 settembre 2010) – Nigeria (24 settembre 2010) – Sierra Leone (4 ottobre 2010) – Saint Vincent e Grenadine (29 ottobre 2010).  

Per quanto riguarda invece il Protocollo Opzionale alla Convenzione (testo che consentirà al Comitato sui Diritti Umani delle Persone con Disabilità di ricevere anche ricorsi individuali – di singoli o di gruppi di individui – e di avviare eventuali procedure d’inchiesta), a ratificarlo sono stati finora i seguenti 60 Paesi:
– Ungheria (20 luglio 2007) – Panama (7 agosto 2007) – Croazia (15 agosto 2007) – Sudafrica (30 novembre 2007) – Spagna (3 dicembre 2007) – Namibia (4 dicembre 2007) – El Salvador (14 dicembre 2007) – Messico (17 dicembre 2007) – Perù (30 gennaio 2008) – Guinea (8 febbraio 2008) – San Marino (22 febbraio 2008) – Tunisia (2 aprile 2008) – Ecuador (3 aprile 2008) – Mali (7 aprile 2008) – Slovenia (24 aprile 2008) – Bangladesh (12 maggio 2008) – Arabia Saudita (24 giugno 2008) – Niger (24 giugno 2008) – Cile (29 luglio 2008) – Brasile (1° agosto 2008) – Argentina (2 settembre 2008) – Paraguay (3 settembre 2008) – Uganda (25 settembre 2008) – Austria (26 settembre 2008) – Costarica (1° ottobre 2008) – Ruanda (15 dicembre 2008) –  Svezia (15 dicembre 2008) – Azerbaijan (28 gennaio 2009) – Germania (24 febbraio 2009) – Yemen (26 marzo 2009) – Guatemala (7 aprile 2009) – Marocco (8 aprile 2009) – Sudan (24 aprile 2009) – Isole Cook (8 maggio 2009) – Mongolia (13 maggio 2009) – Italia (15 maggio 2009) – Belgio (2 luglio 2009) – Siria (10 luglio 2009) – Haiti (23 luglio 2009) – Burkina Faso (23 luglio 2009) – Serbia (31 luglio 2009) – Gran Bretagna (7 agosto 2009) – Repubblica Dominicana (18 agosto 2009) – Australia (21 agosto 2009) – Portogallo (23 settembre 2009) – Turchia (28 settembre 2009) – Montenegro (2 novembre 2009) – Tanzania (10 novembre 2009) – Bolivia (16 novembre 2009) – Nicaragua (2 febbraio 2010) – Ucraina (4 febbraio 2010) – Francia (18 febbraio 2010) – Bosnia-Erzegovina (12 marzo 2010) – Nepal (7 maggio 2010) – Slovacchia (26 maggio 2010) – Honduras (16 agosto 2010) – Lituania (18 agosto 2010) – Lettonia (31 agosto 2010) – Nigeria (24 settembre 2010) – Saint Vincent e Grenadine (29 ottobre 2010) – Turkmenistan (10 novembre 2010).

Per ulteriori approfondimenti: www.un.org/disabilities.