E se i giornalisti fanno bene il loro mestiere…

Ha fatto un certo effetto leggere il racconto di Beppe Casadio, sindacalista della CGIL, già ritenuto possibile successore di Cofferati, recentemente diventato una persona con disabilità che ha dovuto trascorrere diciotto mesi della propria vita a cercare di dimostrarlo, per ottenere il certificato di invalidità. Ha fatto un certo effetto anche perché lo si è letto in quello stesso giornale che poco tempo prima aveva ospitato le “sparate” del presidente dell’INPS Antonio Mastrapasqua, volto a magnificare i numeri della lotta dell’Istituto ai cosiddetti “falsi invalidi”, subito smentito, però, da più parti, anche all’interno dell’INPS stesso. Casadio ce l’ha fatta non solo perché ha ragione, ma anche perché ha alle spalle un grande sindacato, come la CGIL, che sta prendendo a cuore la vicenda dei controlli indiscriminati dell’INPS sulle certificazioni di invalidità. Ha recentemente scritto Nina Daita, responsabile dell’Ufficio Politiche sulla Disabilità della stessa CGIL: «La disabilità in questo Paese sta diventando un crimine». Già. Ma forse, se i giornalisti fanno bene il proprio mestiere, non tutto è perduto

Logo della disabilità giallo, dipinto sull'asfalto, con un graticolo sopraDa sindacalista a invalido, diciotto mesi per dimostrarlo: titolava così, ieri, il «Corriere della Sera», a pagina 30, un bel servizio, con tanto di foto, dedicato da Enrico Marro alla vicenda umana di Beppe Casadio, sindacalista tosto della CGIL. Nel 2002 si pensava a lui come a una possibile alternativa a Cofferati. Poi, nel 2009, vacanza maledetta in Sicilia, una grave infiammazione neurologica, il ricovero d’urgenza, la perdita dell’uso delle gambe. E così Beppe si ritrova come me, a vivere e muoversi in sedia a rotelle.

Una storia come tante, di ordinaria disabilità. Sono cose che succedono, nella vita. E per fortuna le leggi ci sono, o ci dovrebbero essere, per garantire, nella nuova situazione, servizi e benefìci assolutamente dovuti. Così pensava anche Casadio, che pure, militando nella CGIL, qualche dubbio sul funzionamento della burocrazia avrebbe dovuto averlo.
La sua odissea, raccontata dal «Corriere», è simile a tante altre storie che qui abbiamo segnalato e che continuiamo a segnalare. Ovvero l’allucinante percorso per ottenere ciò che ormai era un inevitabile verdetto medico, vale a dire la certificazione di invalidità.
Il sindacalista è capitato nel bel mezzo della cosiddetta “rivoluzione informatica” dell’INPS, quella “gioiosa macchina di guerra” descritta con dovizia di particolari dal presidente dell’INPS Mastrapasqua, sempre al medesimo giornalista del «Corriere», solo pochi giorni prima. Una macchina capace di stanare un “falso invalido”, anche se si camuffa da tetraplegico. «Una indennità su quattro è falsa», tuonava dalle pagine del grande quotidiano il presidente dell’Istituto, magnificando i controlli e sparando numeri come coriandoli. Contraddetto, a stretto giro, dal direttore dell’INPS della Sardegna, tanto per non ricordare la bella lettera dei medici dello stesso Istituto.
Ma fino a quando la polemica è rimasta una guerra sulle cifre, fra associazioni di persone con disabilità, sindacati di medici INPS e il moderno presidente dell’Istituto, al servizio della missione di contenimento della spesa sociale, indicata con precisione chirurgica dal ministro dell’Economia, Tremonti, ognuno poteva rimanere delle proprie convinzioni. Anche l’opinione pubblica, ammesso che ancora esista, tende a credere di più alla favola della lotta ai falsi invalidi, perché di questi tempi il moralismo gioca dei brutti scherzi, e soprattutto si crede che tutti siano ladri e furfanti, tranne noi.

Ma leggere il racconto concreto di una persona attrezzata culturalmente e consapevole dei propri diritti, che non si piange addosso, e che anzi ricorda che, per fortuna, avendone disponibilità economica, è riuscito a far fronte alle improvvise ingenti spese determinate dalla nuova situazione fisica e dall’impossibilità di ottenere quei piccoli benefìci (prescrizione di ausili e indennità di accompagnamento) che sono diritti sacrosanti, è tutta un’altra faccenda.
Beppe Casadio alla fine riesce ad ottenere quel benedetto certificato di invalidità al cento per cento. Glielo danno in forma cartacea, come si dice ora. Insomma, un pezzo di carta, compilato a mano e firmato da un medico dell’INPS, perché se avesse dovuto attendere il funzionamento telematico dell’Istituto faceva a tempo a invecchiare (e ne ha già 62 di anni). Ed è del tutto evidente che Beppe Casadio ce l’ha fatta non solo perché ha ragione, ma anche perché ha alle spalle un grande sindacato, che sta prendendo a cuore la vicenda dei controlli indiscriminati dell’Inps sulle certificazioni di invalidità.
Ha scritto Nina Daita, responsabile dell’Ufficio Politiche sulla Disabilità della CGIL, nel sito del sindacato: «La disabilità in questo Paese sta diventando un crimine». Già. Ma forse, se i giornalisti fanno bene il proprio mestiere, non tutto è perduto.

*Testo apparso anche in «FrancaMente», il blog senza barriere di Vita.blog, con il titolo I numeri e le vite, qui ripreso con alcuni adattamenti.

Sui temi affrontati nel presente testo, segnaliamo in particolare, sempre nel nostro sito: I ritardi dell’INPS e la pazienza sempre più scarsa dei Cittadini (di Carlo Giacobini, cliccare qui); Invalidità civile: dura denuncia dei medici dell’INPS (cliccare qui); Quei medici dell’INPS e l’Italia dei veri «responsabili» (di Franco Bomprezzi, cliccare qui); Le omissioni dell’INPS e lo sfacelo degli accertamenti (cliccare qui); Se «sparare sulla Croce Rossa» diventa uno sport ufficiale (di Antonio Bondavalli, cliccare qui); In troppi hanno scambiato l’INPS per l’ISTAT! (cliccare qui); Come gonfiare le statistiche dei «falsi invalidi» sulla pelle di quelli veri (cliccare qui); Perché la FISH critica l’INPS (cliccare qui).
Stampa questo articolo