- Superando.it - http://www.superando.it -

Siamo qui per il futuro del Servizio Civile

Un volontario del Servizio Civile a finaco di un giovane con disabilitàL’Auser Nazionale – la principale organizzazione italiana impegnata sul fronte della terza età – insieme ad ARCI Servizio Civile, ARCI, ARCIRagazzi, Legambiente e UISP (Unione Italiana Sport per Tutti), ha promosso in questi giorni la campagna denominata Siamo qui per il futuro del Servizio Civile.
Negli ultimi due anni, infatti, il Governo ha ridotto il finanziamento del Fondo per il Servizio Civile del 60%, con una drastica diminuzione delle risorse che ha reso molto più difficile per le associazioni vincere i bandi per la richiesta di volontari, determinando anche, in taluni casi, demotivazione e rinuncia a presentare nuovi progetti.
Di questo passo, quindi, rischia di finire nel nulla un’esperienza che ha permesso a migliaia di giovani di tutta Italia, in questi ultimi anni, di effettuare tanti e diversi percorsi di formazione sociale e solidale, utili per il loro futuro.

Per queste ragioni la rete delle associazioni aderenti all’ARCI Servizio Civile ha deciso di mobilitarsi con la citata campagna di sensibilizzazione e informazione, rivolta ai giovani e alle loro famiglie, al mondo del Terzo Settore, alle Pubbliche Amministrazioni, ad esponenti del mondo della cultura e della politica locale, sull’importanza di dare un futuro al Servizio Civile in Italia.
Con tale iniziativa, i promotori intendono far sentire la voce della società civile per chiedere di rendere certo il finanziamento del Fondo Nazionale e per far sì che sia scritto nella legge in modo chiaro che il Servizio Civile ha finalità educative e non è uno strumento surrettizio per far funzionare i servizi pubblici essenziali, come alcune Pubbliche Amministrazioni spesso sono tentate di fare.
Si chiede inoltre che il credito formativo relativo ai dodici mesi di durata del Servizio Civile sia riconosciuto da tutte le Università pubbliche e private.

Informare sui vantaggi del Servizio Civile è dunque la parola chiave della campagna, per far crescere nei cittadini la consapevolezza che esso costituisce una grande opportunità per tutti.
Al centro della comunicazione vi è il  cortometraggio di quindici minuti, intitolato La  Madonna della Frutta, diretto da Paola Randi e prodotto dalla Provincia di Teramo, a seguito di una selezione fra le migliori opere sul tema e che ha concesso  il diritto di utilizzo.
Si tratta di una storia fresca e originale che vede come protagonista una giovane che presta Servizio Civile, assistendo un’anziana signora chiusa nella sua solitudine.
Il corto potrà essere proiettato nelle sedi  delle associazioni promotrici della campagna, in occasione di specifici eventi dedicati alla promozione e allo sviluppo del Servizio Civile. Si potranno inoltre organizzare incontri aperti con la partecipazione della regista e dei rappresentanti della Provincia di Teramo.
La campagna, infine, si articola anche sull’invio mirato di più numeri speciali di una newsletter, voluta per fornire agli utenti tutte le informazioni sui vantaggi del Servizio Civile, le istruzioni per l’uso su come presentare le domande per l’anno 2011-2012 e una raccolta di testimonianze e buone pratiche messe insieme grazie alla viva voce dei protagonisti.
Dal canto suo l’Auser ha completamente rinnovato la sezione Servizio Civile del proprio sito (la si veda cliccando qui) e al suo interno si possono scaricare tutte le informazioni sulla campagna e visionare l’anteprima del video La Madonna della Frutta. (Giusy Colmo)

Per ulteriori informazioni: Ufficio Stampa e Comunicazione Auser Nazionale, tel. 06 84407725, ufficiostampa@auser.it.