Si protesta a Roma per l’accessibilità alla cultura

Di fronte infatti alle mancate risposte del sindaco Gianni Alemanno, all’interrogazione popolare presentata più di un anno fa sull’accessibilità alla cultura e in particolare per le persone con disabilità sensoriale, l’Associazione Luca Coscioni, la FIADDA (Famiglie Italiane Associate per la Difesa dei Diritti degli Audiolesi) e il network Consequenze promuovono per il pomeriggio dell’11 aprile una manifestazione-presidio nei pressi del Campidoglio

Il sindaco di Roma Gianni AlemannoIl sindaco di Roma Gianni Alemanno non risponde all’interrogazione popolare consegnata più di un anno fa e allora alcune organizzazioni particolarmente attente alle questioni riguardanti l’accessibilità alla cultura e in particolare per le persone con disabilità sensoriale, decidono di promuovere una manifestazione-presidio in Piazza dell’Aracoeli, alle pendici del Campidoglio.

Si tratta dell’Associazione Luca Coscioni, della FIADDA (Famiglie Italiane Associate per la Difesa dei Diritti degli Audiolesi e del network  Consequenze, che protesteranno appunto nel pomeriggio dell’11 aprile (ore 15.30), in concomitanza con la riunione del Consiglio Comunale romano.
Rispetto all’ambito toccato dalla manifestazione, segnaliamo tra l’altro sul nostro sito – solo per restare ai tempi più recenti – la battaglia della FIADDA (purtroppo senza successo), contro la chiusura del Cinema Metropolitan, storica multisala di Via del Corso a Roma, ove si proiettavano quotidianamente film in lingua originale con sottotitoli (se ne legga ad esempio cliccando qui) e per quanto riguarda Consequenze, le attività svolte per rendere accessibile a non udenti e non vedenti il Festival Internazionale del Film di Roma (se ne legga cliccando qui). (S.B.)

Per ulteriori informazioni: Alessia Turchi, alessia.turchi@associazionecoscioni.org.
Stampa questo articolo