È necessaria la collaborazione tra scuola e famiglia, per il successo dell’integrazione

È questa l’idea alla base del Progetto “Scuola – Famiglie Duchenne in rete”, promosso da Parent Project, associazione di genitori che lottano contro le distrofie muscolari di Duchenne e Becker e che vivrà la sua “tappa” pugliese il 14 aprile a Bari. Al termine del progetto è prevista anche la produzione delle “Linee guida sull’integrazione scolastica per la Duchenne”

Bimbo in carrozzina entra a scuola«Analizzare il contesto scolastico e socio-sanitario e proporre nuovi interventi, secondo il principio fondamentale che la stretta collaborazione scuola-famiglia sia una condizione imprescindibile per il successo dell’integrazione scolastica e sociale»: sarà questo l’obiettivo principale dell’incontro promosso per giovedì 14 aprileBari (Facoltà di Farmacia Campus Ernesto Quagliariello dell’Università, ore 14.30-17.30) dal Centro Ascolto Duchenne di Parent Project ONLUS, associazione di genitori che lottano contro le distrofie muscolari di Duchenne e Becker.

L’iniziativa – rivolta a famiglie e specialisti del territorio regionale pugliese, ove si stima che vi siano più di 13.000 studenti con disabilità nelle scuole statali – è parte integrante del Progetto Scuola – Famiglie Duchenne in rete. Sperimentazione di un modello di intervento per l’integrazione scolastica dei minori con distrofia muscolare, finanziato con i fondi della Legge 383/00 del Ministero del Welfare, che Parent Project ha sviluppato per offrire un’attività di consulenza gratuita nelle scuole di sei Regioni italiane (Calabria, Lazio, Lombardia, Marche, Puglia e Sicilia).
Grazie a questo lavoro, sarà possibile sviluppare alcune attività sperimentali che, attraverso le conoscenze specialistiche acquisite in questi anni, favoriranno un reale percorso di sostegno e accompagnamento nel processo d’integrazione.
Al termine del progetto, poi, verranno prodotte le Linee guida sull’integrazione scolastica per la Duchenne, che potranno essere un modello anche per altre forme di disabilità. (S.B.)

Stampa questo articolo