La partecipazione attiva della famiglia nell’integrazione

È previsto per il 5 maggio a Fano (Pesaro-Urbino) un nuovo incontro regionale, nell’ambito del Progetto “Scuola – Famiglie Duchenne in rete”, promosso da Parent Project, associazione di genitori che lottano contro le distrofie muscolari di Duchenne e Becker. Al termine del ciclo è prevista tra l’altro la pubblicazione delle Linee guida sull’integrazione scolastica per la Duchenne, che potranno essere un modello anche per altre forme di disabilità

Bimba in carrozzina a scuola insieme a una compagnaUn nuovo incontro rivolto alle famiglie e agli specialisti – nell’ambito del Progetto Scuola – Famiglie Duchenne in rete. Sperimentazione di un modello di intervento per l’integrazione scolastica dei minori con distrofia muscolare, finanziato con i fondi della Legge 383/00 del Ministero del Welfare e sviluppato dall’Associazione Parent Project ONLUS, per offrire un’attività di consulenza gratuita nelle scuole di sei Regioni italiane (Calabria, Lazio, Lombardia, Marche, Puglia e Sicilia) – è previsto per giovedì 5 maggio a Fano (Pesaro-Urbino), presso il locale Centro Territoriale Integrazione (Aula Magna ICS Gandiglio, Piazzetta Grimaldi, 7, ore 14.30-17.30).

Come già per il precedente incontro di Bari (se ne legga nel nostro sito cliccando qui), l’iniziativa è promossa dal locale Centro Ascolto Duchenne di Parent Project – associazione di genitori che lottano contro le distrofie muscolari di Duchenne e Becker -, per analizzare il contesto scolastico e socio-sanitario e proporre nuovi interventi, secondo il principio fondamentale che la stretta collaborazione scuola-famiglia sia una condizione imprescindibile per il successo dell’integrazione scolastica e sociale.
Grazie a questi incontri regionali, infatti, sarà possibile sviluppare alcune attività sperimentali che, attraverso le conoscenze specialistiche acquisite in questi anni, favoriranno un reale percorso di sostegno e accompagnamento nel processo d’integrazione.
Al termine del progetto, inoltre, verranno prodotte le Linee guida sull’integrazione scolastica per la Duchenne, che potranno essere un modello anche per altre forme di disabilità.

A Fano i lavori saranno aperti da Athos Salucci, dirigente dell’ICS Gandiglio e da Rita Maccagnani, referente del locale Centro Territoriale Integrazione. Interverranno poi Filippo Buccella, presidente di Parent Project, Loretta Mattioli, specialista nell’area della scuola e nel settore della disabilità ed Emanuela Giulitti, psicologa e consulente nazionale del Centro Ascolto Duchenne di Parent Project. (S.B.)

Stampa questo articolo