- Superando.it - http://www.superando.it -

Caro Ministro, anche quest’anno si ripeterà la discriminazione

Bimba da sola in un'aula scolasticaInsiste la LEDHA (Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità), nel denunciare – in vista del prossimo anno scolastico – la mancanza, in Lombardia, di ben 3.600 insegnanti di sostegno. E dopo un comunicato diffuso nei giorni scorsi (se ne legga nel nostro sito cliccando qui), è ora lo stesso Fulvio Santagostini, presidente dell’organizzazione che in Lombardia rappresenta la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), a prendere carta e penna e a rivolgersi con una lettera-appello direttamente a Mariastella Gelmini, ministro dell’Istruzione.

Egregio Ministro,
ancora una volta ci rivolgiamo a Lei per segnalarLe la grave situazione di discriminazione di cui saranno vittima i bambini e ragazzi con disabilità in Lombardia nel corso dell’ormai prossimo anno scolastico.
Abbiamo infatti appreso, dalle tabelle dell’Ufficio Scolastico Regionale, che il numero di alunni con disabilità iscritti nelle scuole lombarde sia passato da 28.685 dello scorso anno scolastico a 30.470 di quest’anno. A fronte di questo importante aumento, il suo Ministero ha assegnato 11.622 insegnanti di sostegno, ovvero 42 in meno dell’anno appena trascorso.
È evidente che questa assegnazione sia del tutto inadeguata. Il rapporto tra alunni con disabilità e insegnanti di sostegno passa infatti da 1:2,18 a 1:2,62.
Utilizzando il rapporto medio di 1:2 – che, ricordiamo, è solo un rapporto indicativo, comunque ribadito come punto di riferimento anche nell’articolo 19, comma 11 dell’ultima Manovra Correttiva dei conti pubblici – mancherebbero all’appello in Lombardia 3.600 insegnanti di sostegno.

Il nostro appello a un suo tempestivo intervento per sanare questa situazione non è però un appello generico, a far fronte a una carenza di organico. Oggi, infatti, è messo in discussione il diritto degli alunni con disabilità lombardi a poter godere di uno studio in condizioni di parità con gli altri alunni.
Come già affermato dalla Sentenza del Tribunale di Milano del 10 gennaio 2011 [se ne legga nel nostro sito cliccando qui, N.d.R.], la mancanza di tutti i supporti oggi previsti dalla legge a sostegno dell’inclusione scolastica costituisce una grave situazione di discriminazione lesiva dei diritti umani di questi bambini e di questi ragazzi.

Siamo perfettamente consapevoli e convinti che la presenza degli insegnanti di sostegno non garantisca la piena inclusione degli alunni con disabilità, che è il risultato di un pieno coinvolgimento di tutta la scuola e di tutta la comunità sociale. Siamo tuttavia altrettanto certi che – nella condizione odierna della scuola italiana – una carenza così grave e diffusa di questi insegnanti non consenta ai dirigenti, agli insegnanti curricolari, agli specialisti e agli enti locali di poter fare pienamente la loro parte per rendere la scuola veramente di e per tutti.

Per questo motivo, a nome degli alunni con disabilità lombardi e delle loro famiglie, Le chiediamo con forza di incrementare il numero di insegnanti di sostegno assegnati alle scuole lombarde.
In ogni caso, a partire dal prossimo settembre, noi saremo a fianco di ogni bambino e ragazzo con disabilità, vittima di questa grave e assurda situazione di discriminazione.

Fulvio Santagostini – Presidente della LEDHA (Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità)

Per ulteriori informazioni: ufficio.stampa@ledha.it.