È possibile quel viaggio?

Se lo chiederanno i partecipanti all’incontro denominato appunto “Il viaggio possibile”, dedicato all’accessibilità e alla mobilità degli spazi urbani, che l’Associazione Culturale Il Viale di Motta di Livenza, ha organizzato per il 9 settembre nella città in provincia di Treviso, nell’ambito del Terzo Festival del Viale. Interessante anche la prova di mobilità prevista dopo l’incontro, con alcuni volontari che simuleranno situazioni di menomazione visiva, uditiva e motoria

La locandina dell'incontro del 9 settembre a Motta di Livenza (Treviso)Nell’ambito del Terzo Festival del Viale – manifestazione a scopi benefici in programma a Motta di Livenza (Treviso) – la locale Associazione Culturale Il Viale ha organizzato per venerdì 9 settembre (Piazza Luzzatti, ore 17) un incontro tutto dedicato all’accessibilità e alla mobilità negli spazi urbani, denominato Il viaggio possibile.

«Si tratterà di un’occasione – spiegano i promotori – per sensibilizzare e informare gli Amministratori, gli Operatori Sociali e i Cittadini tutti, sul tema dell’accessibilità negli spazi urbani per le persone con disabilità, promuovendo quindi la cultura dell’inclusione sociale».
Un’iniziativa, dunque – patrocinata dalla Città di Motta di Livenza, dal locale Ospedale Riabilitativo di Alta Specializzazione (ORAS), dall’AVIS (Associazione Volontari Italiani del Sangue), dalla Pro Loco, dagli Amici del Cuore e dal Centro PRUA ONLUS (Progettazione e Ricerca per l’Utenza Ampliata) -, grazie alla quale potranno confluire a vario titolo sensibilità e professionalità diverse, nella comune idea di sviluppare e implementare azioni di inclusione sociale.

L’incontro sarà centrato sulle relazioni di Paolo Boldrini, coordinatore di Dipartimento Interaziendale di Riabilitazione dell’Azienda ULSS  9 di Treviso e dell’ORAS di Motta di Livenza e di Rodolfo Dalla Mora, disability manager anch’egli dell’ORAS di Motta di Livenza, oltreché presidente della SIDiMa (Società Italiana dei Disability Manager). Interverrà anche un rappresentante dell’équipe del Distretto Socio-Sanitario n. 4 Opitergino-Mottense dell’ULSS 9 di Treviso.
Da segnalare infine che al termine dell’incontro è prevista un’interessante prova di mobilità, con alcuni volontari che simuleranno situazioni di menomazione visiva, uditiva e motoria. (S.B.)

Per ulteriori informazioni: rdallamora@libero.it, centroprua@gmail.com.
Stampa questo articolo