Warning: unlink(/web/htdocs/www.superando.it/home/files/wpcf7_captcha/1610709735.png): No such file or directory in /web/htdocs/www.superando.it/home/wp-content/plugins/really-simple-captcha/really-simple-captcha.php on line 263

Warning: chmod(): No such file or directory in /web/htdocs/www.superando.it/home/wp-content/plugins/really-simple-captcha/really-simple-captcha.php on line 264

Warning: unlink(/web/htdocs/www.superando.it/home/files/wpcf7_captcha/1610709735.png): No such file or directory in /web/htdocs/www.superando.it/home/wp-content/plugins/really-simple-captcha/really-simple-captcha.php on line 265
Aperti i Global Games nel segno della gatta, fiera della sua libertà

Aperti i Global Games nel segno della gatta, fiera della sua libertà

È infatti proprio la gatta il simbolo del grande evento sportivo internazionale, dedicato agli atleti con disabilità intellettiva-relazionale, inaugurato in Piazza De Ferrari a Genova, con un’emozionante cerimonia d’apertura. E anche “La gatta” di Gino Paoli è l’inno della manifestazione, che da martedì 27 vedrà l’inizio delle gare di basket, canottaggio, futsal e tennistavolo, tra Genova, Imperia, Loano (Savona) e Varazze (Savona)

Una bella immagine della cerimonia di inaugurazione a Genova dei Global Games 2011Voglia di normalità. Tanta, tantissima. La festosa carovana dei Global Games 2011 – i Campionati Mondiali INAS (International Federation for sport for para-athletes with an intellectual disability), grande evento dedicato agli atleti con disabilità intellettiva-relazionale – è sbarcata a Genova, in occasione della cerimonia di apertura, con 1.200 persone, tra atleti, tecnici e addetti ai lavori.
I protagonisti, scesi dal treno speciale alla stazione di Principe, hanno percorso a piedi il tragitto che collega Piazza Acquaverde a Piazza De Ferrari, dove ad accoglierli c’erano oltre tremila studenti. Applausi per loro da Via Balbi alla Nunziata, passando per Via Cairoli, Via Garibaldi e Via XXV Aprile.
In testa i gonfaloni di tutti gli Enti coinvolti, i figuranti in costumi d’epoca (quella di Cristoforo Colombo, naturalmente) e le percussioni della Banda Multietnica di Piazza Caricamento, diretta dal maestro Davide Ferrari. Poi le delegazioni (in ordine alfabetico), con gli Azzurri a chiudere la fila, seguiti da una rappresentativa del CoorDown (Coordinamento Nazionale delle Associazioni delle Persone con Sindrome di Down).

Emozioni uniche, soprattutto al passaggio della squadra azzurra, che ha ricevuto il fortissimo abbraccio e l’incoraggiamento della città per i migliori risultati sportivi.
Tutto è accaduto in una Piazza De Ferrari, trasformata in un “mare” pensato e sognato da Giorgio Gallione, direttore artistico del Teatro Archivolto e da Marcello Chiarenza, scenografo e ideatore degli oggetti scenici. Più volte, infatti, il “mare” è stato attraversato dal “veliero” dei Global Games, in momenti suggestivi che hanno unito agonismo, passione, fratellanza e integrazione.
La Banda della Marina Militare della Spezia ha suonato alcuni pezzi di Fabrizio De Andrè, l’inno di Mameli durante l’alzabandiera e l’inno dei Global Games: la Gatta di Gino Paoli, alla presenza del cantautore genovese che a sorpresa ha eseguito l’avvio del pezzo, coinvolgendo i ragazzi in piazza.

«Lo sport è un mezzo importante per abbattere le barriere, i Global Games sono l’esempio più bello»: parole di Marta Vincenzi, sindaco di Genova e di Claudio Burlando, presidente della Regione Liguria che – dopo il passaggio dei tre tedofori Marco Rossi (calciatore del Genoa), Angelo Palombo (calciatore della Sampdoria) e Silvia Salis (olimpica nel lancio del martello) – hanno dichiarato aperti i Giochi.
«Un forte ringraziamento a tutti i volontari – ha aggiunto Luca Pancalli, presidente del CIP (Comitato Italiano Paralimpico) – che sono l’anima più autentica dell’amore per il mondo paralimpico». «Sono davvero orgoglioso del grande lavoro svolto – ha dichiarato dal canto suo Dario Della Gatta, presidente del Comitato Organizzatore [“nomen homen”, è proprio il caso di dire, alla luce del simbolo e dell’inno dei Giochi, N.d.R.] e del magnifico “gioco di squadra” dei Global Games; è bello vedere una piazza gremita di gente ed evidenziare la presenza di moltissimi liguri accorsi a salutare e ad incitare i nostri atleti». Una Liguria che è stata promossa a pieni voti anche dal presidente dell’INAS Bob Price, di fronte al vessillo dei Global Games, il cui simbolo – la gatta – è stato scelto perché discreto, apparentemente stizzito, fiero della sua libertà: perfettamente rappresentativo, insomma, dell’essere “ligure”.

E ora le gare, a partire da martedì 27 (ore 10), con il primo round delle sfide maschili e femminili di tennistavolo a Varazze (Savona). Poi a Loano (Savona), Australia-Giappone (femminile) aprirà il programma del basket, con le successive partite Venezuela-Brasile e Portogallo-Francia in campo maschile (ore 14).
Alle 15, nel campo di regata di Pra’, si terranno le prove di qualificazione per il canottaggio e dalle 15.30 secondo round per il tennistavolo a Varazze. Grande attesa, quindi, alle 15.45, a Imperia, per l’esordio della Nazionale Italiana di futsal (calcio in sala) contro l’Australia, mentre quindici minuti dopo, a Loano, gli Azzurri del basket sfideranno il Giappone (a seguire Ungheria-Polonia).
Ancora tennistavolo dalle 17:45 a Varazze e chiusura della giornata con altri due incontri di basket (Portogallo-Australia alle 18) e di futsal (Iran-Brasile alle 19.15). (Lo Sprint Comunicazione)

Il nostro sito ha già dedicato ai Global Games 2011 i testi: Sarà a Loano il cuore dei Global Games 2011 (cliccare qui) e Sono ormai «caldi i motori» per i Global Games in Liguria (cliccare qui).
Per ogni ulteriore informazione: Lo Sprint Comunicazione, tel. 010 3626916, info@losprint.com.
Stampa questo articolo