Autismo a scuola: il valore dell’inclusione

Se ne parlerà a Parma, il 28 ottobre, nel corso di un interessante convegno promosso dalla locale Sezione dell’ANGSA (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici), in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale dell’Emilia Romagna

Giovane madre insieme al figlio con autismoÈ organizzato dall’ANGSA di Parma (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici), in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale dell’Emilia Romagna, l’interessante convegno previsto per venerdì 28 ottobre nella città emiliana (Auditorium ITC “G.B. Bodoni, Viale Piacenza, 14, ore 9-17.30), denominato Autismo a scuola. Il valore dell’inclusione.

Vi parteciperanno, in veste di relatori o di conduttori, la senatrice Albertina Soliani, già insegnante e direttrice didattica (L’efficacia dell’educazione come principio democratico, che afferma la corrispondenza tra diritti e risultati); Adriano Monica dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Parma (Gli ausili per la comunicazione e la didattica); Adriano Grossi, dirigente scolastico di Fidenza (Parma) (L’inclusione come base per il progetto di vita); Anna Isa Decembrino, neuropsichiatra infantile, responsabile del Centro per la Diagnosi, la Cura e lo Studio dei Disturbi della Comunicazione e della Socializzazione dell’Azienda USL di Parma e membro dell’équipe HUB area vasta Emilia Nord (Lo spettro autistico: caratteristiche e quadri clinici); Fabiola Casarini del Dipartimento di Psicologia dell’Educazione dell’Università di Parma (Le abilità necessarie per usufruire al meglio del potenziale educativo della scuola: quali sono? Come costruirle? Come mantenerle); Graziella Roda dell’Ufficio Scolastico Regionale dell’Emilia Romagna (L’io e gli altri (chiedendo scusa a Laing)); Gianluca Amato, psicologo del Centro TICE (Tecniche di Insegnamento per le Competenze dell’Età Evolutiva); Laura Frignani, insegnante; Sara Bellinazzi, educatrice professionale, responsabile del Servizio Riabilitativo presso la Fondazione Bambini e Autismo di Fidenza (Parma) (La Comunicazione Aumentativa Alternativa nel contesto scolastico); Salvatore Barbera, insegnante (Esperienza di una classe IV primaria di Busseto: l’utilizzo dello strumento Tisca per un lavoro mirato ai bisogni dell’allievo); Isabella Ruffini dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Piacenza (Presentazione di una esperienza di inclusione in una scuola secondaria di secondo grado); Daniela Mariani Cerati del Comitato Scientifico ANGSA (Educazione delle persone con autismo: Linee guida Internazionali, Nazionali e Regionali). (S.B.)

Per ulteriori informazioni: an.volta@gmail.com o convegni@autismo33.it.
Stampa questo articolo